1^ giornata Serie C, girone B: completato il turno. In serata ok Pordenone e Triestina

18.09.2018 20:25 di Antonio Sorrentino  articolo letto 3885 volte
Cori punto fermo in avanti
Cori punto fermo in avanti

Le partite della 1^ (clicca qui per gli aggiornamenti)

Fermana-Virtusvecomp Verona 2-0 Scrosta (F) Lupoli (F)

Gubbio-Ravenna 1-1 De Silvestri (G) Nocciolini (R)

Imolese-Albinoleffe 0-0 (martedì)

L.R. Vicenza-Giana Erminio 0-0

Monza-Feralpisalò 1-0 Cori (M)

Pordenone-Fano 2-1 Semenzato (P) Candellone (P) Ferrante (F)

Sambenedettese-Renate 0-2 Gomez (R) Piscopo (R)

SudTirol-Teramo 1-0 Costantino (S)

Ternana-Rimini (rinviata)

Triestina-Vis Pesaro 2-0 Beccaro (T) Mensah (T)

La presentazione della 1^

Riparte il campionato e ritroviamo il Monza in un Girone diverso: come anticipato dagli spifferi di questa lunga estate che ha protratto le attese di inizio stagione di tre settimane, la truppa di Zaffaroni, rinforzata dal mercato che non ha oltremodo coinvolto le proprie stelle, gareggia nel raggruppamento B, che coinvolge così cinque lombarde, tre emiliano-romagnole, cinque trivenete e le rappresentanti del Centro, su cui per numero spiccano le quattro marchigiane (due umbre e un'abruzzese a completare il rooster).

Difficile fare previsioni sulla prima giornata, che di suo è strana perché condizionata da carichi di lavoro e amalgama dei meccanismi: stavolta incideranno vieppiù il logorìo-rinvii e la compressione dei primi quattro turni tra 19 (o 16 come migliore delle ipotesi) e 30 settembre.

In base agli accordi tra società, ecco lo spezzatino servito come primo piatto stagionale: quattro giorni e sei orari di pallone.

Da notare che i gardesani, che non nascondono le proprie ambizioni (l'ex Andrissi ha accettato di scendere di categoria e puntellato la squadra con l'Airone Caracciolo, Canini, Pesce e Vita), nel breve periodo testeranno la forza anche di Ternana e L. R. Vicenza, in una griglia di partenza (leggi qui quella della Gazzetta, qui quella di Monza News) collocate nelle primissime file assieme a loro (Monza subito dietro il Monza e così via la Sambenedettese, la Triestina, il SudTirol e il Pordenone).

Altrettanto tosti gli approcci al campionato per le vicine Giana e Renate: i milanesi saranno ospiti del Menti, ribollente di entusiasmo (2500 mila abbonati nella prima settimana!) per l'acquisizione del Vicenza da parte di Rosso, che ha di fatto sciolto nel tradizionale Lanerossi il suo Bassano, mentre i brianzoli apriranno le danze al Riviera delle Palme, altra piazza calda.

La Giana è alla prima annata senza il manico Albè, mentre nel Renate Brevi ha avvicendato Cevoli.

L'ultima lombarda è anch'essa fuori casa: l'Imolese ripescata va all'assalto dell'Albinoleffe, consapevole che la terze serie nazionale era una categoria anelata da quasi cinquanta anni. I seriani hanno avviato in amichevole la stagione del Monza durante il ritiro a Piazzatorre.

Doveva essere sfida tra l'unica retrocessa e una neopromossa al Liberati: i rossoverdi, beffati come pro Vercelli e Siena sul filo di lana delle (non) sentenze, possono essere il faro del girone, mentre i romagnoli, dopo due anni ritrovano il professionismo.

A proposito, la capitale della Romagna manda la propria esponente in Umbria, a completare così la duplice sfida: ricordiamo che il Ravenna ha conteso lo scudettino (che campeggia ora sulle maglie della Pro Patria, sola camuna del Girone A e prossima a celebrare il proprio centenario) di Serie D al Monza poco più di un anno fa. La Fermana è al secondo torneo di fila nella categoria.

Entusiasmo da debuttante è l'arma che può calare al Rocco la Vis Pesaro: i giuliani, ripescati la passata stagione, non sono riusciti a disputare i playoff; medesimo discorso vale per gli scaligeri della Virtusvecomp, che avevano incrociato il Monza di Asta. Per loro trasfera al Recchioni, prima di debuttare tra le mura amiche contro i biancorossi.

A differenza delle retrocesse, le promosse sono state ripartite in modo equo nei tre gironi: Albissola-Gozzano-Pro Patria, Rimini-Virtusvecomp-Vis Pesaro, Potenza-Rieti-Vibonese.

Completano il programma le gare del Bottecchia e del Druso: i ramarri, calati alla distanza dopo l'exploit della Coppa Italia in cui l'Inter li aveva eliminati ai rigori, accolgono il Fano (che rappresenta anch'esso la provincia di Pesaro), con il SudTirol di Bertolini (vice di Zanetti), protagonista di ottimi playoff (semifinale contro il Cosenza) e un buon inizio stagionale (Coppa Italia che lo vedrà a dicembre ospiti del Torino, dopo aver eliminato a domicilio Venezia e Frosinone), che riceve il Teramo.

Nelle prime quattro giornate non ci saranno squadre che disputeranno due turni consecutivi in casa, né in trasferta.

Un anno fa erano presenti in questo girone Bassano, Mestre, Modena, Padova, Reggiana e Santarcangelo: ora Giana, Imolese, Monza, Rimini, Ternana, Virtusvecomp e Vis Pesaro.

Antonio Sorrentino