Aia Monza, via al corso arbitri: 'Sarà gratuito, ecco a chi è rivolto'

05.10.2018 18:30 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 736 volte
Sem Perego
Sem Perego

Martedì 16 ottobre la Sezione A.I.A. di Monza lancerà l'appuntamento con un nuovo Corso per Arbitri di calcio presso la sede sezionale di Viale Sicilia 114, a due passi dallo Stadio Brianteo.

Il presidente della sezione Aia di Monza, Sem Perego, ci ha raccontato come si svolgerà. 

 

 VIDEO - Sam Perego: 'Quanta strada è stata fatta'

 

 

- Presidente, a chi è rivolto il corso? 

'Il corso per la formazione degli arbitri è aperto a ragazzi e ragazze in età compresa tra i 15 e i 35 anni. Ci tengo a specificare che il corso è gratuito'. 

- A quale fascia di età volete puntare? 

'Il target alla quale ci rivolgiamo, coinvolge però in particolare i giovani fino ai 22-23 anni che rappresentano la fascia d'età con le maggiori potenzialità e prospettive di scalare i gradini delle categorie arbitrali'. 

- Ci può spiegare brevemente come sarà strutturato il corso? 

'Il corso prevede una dozzina di lezioni teoriche sulle regole del gioco del calcio e sulle procedure che riguardano l'attività arbitrale'. 

- Ci sarà anche una prova finale?

'Esattamente, terminata la serie delle lezioni i partecipanti sosterranno un esame, sempre teorico, superato il quale si acquisisce lo status di Arbitro Effettivo che permetterà di arbitrare nei campionati ufficiali della F.I.G.C'. 

- Per quanto riguarda la pratica invece? 

ìIl battesimo pratico avverrà direttamente sul campo di gioco; l'esordio arbitrale prevede infatti la direzione di gare della categoria giovanissimi e l'arbitro neofita sarà seguito inizialmente da un "tutor" a bordo campo che lo supporterà'.  

- Come si può 'fare strada' nel mondo arbitrale? 

'Chi dimostra una buona predisposizione e si applica atleticamente e tecnicamente può, nel giro di qualche anno, vedersi aprire palcoscenici calcistici importanti. La "carriera" arbitrale comincia infatti fischiando nel settore giovanile e nelle categorie dilettantistiche e finisce, per i più bravi, con la direzione dei campionati nazionali professionistici'. 

- Chi è il vostro arbitro di punta in questo momento? 

'Si chiama Paride Tremolada, ha esordito proprio questa stagione in serie C, arbitrando Gozzano-Piacenza, mentre solo pochi giorni fa era a Palermo per dirigere la gara del campionato Primavera tra i rosanero e il Napoli'. 

- Tra l'altro, al di là di sognare di andare ad arbitrare partite importanti, ci sono anche altri aspetti da non sottovalutare... 

'Vero, è un modo differente di svolgere un'attività sportiva agonistica, all'aria aperta e praticamente per tutto l'anno. Non comporta nessun costo a carico dell'associato, anzi, sono previsti dei rimborsi spese per le gare dirette, che permettono soprattutto ai ragazzi più giovani di percepire autonomamente una piccola entrata economica. Per gli studenti esiste la possibilità di acquisire dei crediti formativi extra, che vanno ad integrare quelli del normale percorso scolastico. Infine, ma non meno importante, lo status di arbitro e la relativa tessera federale permettono l'accesso gratuito a tutti gli stadi italiani per poter assistere alle partite, dalle serie minori fino alla serie A'. 

- Vuole lanciare un appello? 

'Per tutti questi motivi rivolgiamo ai giovani di Monza e del territorio circostante l'invito a prendere in considerazione questa iniziativa. Sia le domande d'iscrizione che ulteriori informazioni possono essere inoltrate attraverso i canali informatici della sezione AIA di Monza ovvero il nostro sito web: www.aiamonza.com e la nostra email monza@aia-figc.it'