Anastasio: 'Vi spiego il mio gol. Sulle possibilità di remuntada e Galliani...'

03.02.2019 11:30 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 1067 volte
Armando Anastasio
Armando Anastasio

Vi proponiamo la conferenza stampa integrale di Armando Anastasio, match-winner della gara contro la Sambenedettese col suo eurogol a tempo scaduto.

- Ci vuole più coraggio o più incoscienza per fare un gol così?
"Io in allenamento lo provo spesso il tiro. E' una mia qualità. Poi all'ultimo secondo ho dato tutto quello che avevo. Sapevo che poteva essere fondamentale".

- Ed è fondamentale per il prosieguo del campionato?
"In tutte le partite dobbiamo dare il massimo perché abbiamo un obiettivo. Ogni partita bisogna dare tutto ciò che si ha fino al 96'".

- Avevi già provato a fare gol simili in partite ufficiali o è la prima volta?
"Già 2 anni fa con l'AlbinoLeffe. Forse non è stato così bello, ma già qualche tiro mi era riuscito".

- E' stata più la tua bravura o il portiere poteva fare qualcosa di più?
"Devo andare a rivederlo. In quel momento ho calciato ma non ricordo bene come è andata. Sono anche curioso di capirlo. Se il portiere ha fatto uno sbaglio meglio così (ride, ndr). Però non lo so".

- In frangenti come questo si prende la mira per andare nel sette o si tira e dove va va?
"In quel momento ho pensato di tirare forte. Ho provato anche un altro tiro che andava ad incrociare, quello su cui poi ha fatto gol Marchi. Però quando sono andato sulla palla, mi sono detto che avrei tirato dritto per dritto mettendo tutta la forza possibile e fortunatamente è andata bene".

- Ci credete nella remuntada o il Pordenone è troppo lontano?
"Noi ci crediamo. Non stiamo a guardare quello che fa il Pordenone. Guardiamo a noi stessi. Sappiamo che da quando è iniziato il nostro campionato a gennaio, le dobbiamo vincere tutte. Poi tiriamo le somme a fine campionato".

- Cosa si prova quando nello spogliatoio viene gente del calibro di Galliani?
"Non tremano le gambe, ma è una responsabilità in più avere nello spogliatoio una persona come Galliani. Sappiamo tutti il calcio che ha fatto. Se lui ti dice una parola pesa tanto. Quando viene ad incoraggiarci per noi vale molto".

- Cosa ti ha colpito positivamente del Monza?
"Ovviamente non è facile ambientarsi in un posto nuovo in una squadra completamente nuova. Io noto che in questo spogliatoio c'è la voglia di dare il massimo, sia in allenamento sia in partita. Non tutte le squadre l'hanno. Dobbiamo continuare ad essere un gruppo unito".