#ExMonza - Fallimento Casale: altra lunga inibizione per Di Stanislao

 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 726 volte
Paolo Di Stanislao
Paolo Di Stanislao

Dopo i due anni di inibizione (con ammenda di 5.000 euro) in merito al fallimento del Monza (leggi qui) è giunta una nuova sanzione per Paolo Di Stanislao: l'ex presidente biancorosso è infatti stato deferito anche nel procedimento riguardante il fallimento del Casale (decretato dal Tribunale di Vercelli nel settembre 2015, ndr), di cui è stato Amministratore di fatto dal 1° gennaio 2013 alla data di cessazione dell’attività sportiva nonché titolare effettivo del 90% del capitale sociale della controllante Casale Comunication & Marketing Srl nello stesso periodo: Di Stanislao è stato giudicato dal Tribunale Federale Nazionale - Sezione Disciplinare che ha parzialmente accolto il deferimento infliggendogli l'inibizione di 18 mesi e l’ammenda di 5.000 euro (la Procura aveva chiesto due anni, una multa di 18.000 euro ed in più un'inibizione di ulteriori 6 mesi per aver svolto attività in seno alla Società nonostante fosse già inibito). Nello stesso procedimento è stato invece prosciolto il figlio Andrea.

Leggi qui le dichiarazioni di Di Stanislao in merito al suo coinvolgimento nella società piemontese all'atto della presentazione in biancorosso lo scorso marzo 2015.

Commenta questa notizia sul forum!