Hrc, finisce con un pareggio pieno di emozioni il 2018 del TeamCarService

31.12.2018 21:00 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 109 volte
Hrc, finisce con un pareggio pieno di emozioni il 2018 del TeamCarService



Il Teamservicecar strappa un pareggio (4-4) al Breganze e chiude il girone di andata all’ottavo posto.

Torna a far punti la formazione di Tommaso Colamaria, che deve inseguire il Breganze per 50 minuti e alla fine strappa un pareggio per 4-4. Un punto a testa che ha due punti di vista distinti: “punto guadagnato” contro una squadra che può tranquillamente ambire ad uno dei primi tre posti. Oppure “punto perso”, con una rete divorata da Nadini e, nel finale, un palo interno di capitan Martinez, colpito in inferiorità numerica a Sgaria battuto.

Il girone di andata viene concluso in un’ottava posizione, che però non vale la qualificazione alle Final8 di Coppa Italia: il Trissino in qualità di organizzatore dell’evento potrà disporre di una  wild card a danno proprio dei ragazzi di Colamaria.

Ma in casa Monza non si fanno drammi e gli obiettivi non mancheranno, con la qualificazione ai quarti di Eurolega e ai playoff che restano sempre a portata di mano.

Un Monza che deve sempre rincorrere

La cronaca del match è intensa e si apre dopo 1’45” al primo tiro in porta di Lucas Martinez, che sfugge in progressione a Zucchetti e fa secco Zampoli con tiro beffardo.

La coppia Ferrari – Uggeri è inflessibile, eppure a fine gara verranno fischiati solo 8 falli complessivi. Il primo arbitro toscano pesca Cocco in tre infrazioni e lo punisce con continuità: al 4’ lo espelle per un aggancio di bastone su Pol Franci, ma Nadini colpisce la traversa, poi, a termine power play, lo stesso Franci stampa sul palo un tiro a portiere battuto.

Al 9’ Zampoli si riscatta dell’errore iniziale, compiendo un miracolo su Muglia. Il Monza fatica ad entrare in partita, riuscendoci solo dopo il raddoppio ospite, che matura al 12’: contropiede gestito da Cocco, con assist no look di Mitjans insaccato al volo da Teixidò. Per l’ex S.Omer anche due pali colpiti.

Il titolo di MVP se lo contendono proprio l’esperto Mitjans, dal cui bastone partono tutte le azioni dei rossoneri, Julian Martinez, come sempre onnipresente e Pol Franci, che non entrerà nel tabellino dei marcatori, ma compie azioni difensive perfette, creando pericoli continui: quando il talento catalano riuscirà ad aumentare la percentuale realizzativa saranno veramente guai per tutti.

Trascorso il primo quarto d’ora il Monza trova il pareggio con due tiri di rigore: prima con una chirurgica realizzazione di Lazzarotto, poi con un beffardo tiro centrale ad opera di Galimberti. I due falli sono proprio ad opera di Cocco, decisamente in “giornata no” nel rapporto con Ferrari.

Una ripresa divertente

Il secondo tempo si apre esattamente come il primo: scorribanda di Lucas Martinez e tiro non irresistibile che beffa Zampoli su suo palo. Il Monza comunque gioca un buon hockey e pareggia grazie a Julian Martinez, abile a girare sotto l’incrocio un assist di Franci.

I padroni di casa appaiono più freschi rispetto agli ospiti, ma sfortunati. Martinez colpisce il terzo legno e Zucchetti viene anticipato a porta vuota: transizione di Mitjans e tiro che fa secco Zampoli per il 3-4.

Il Teamservicecar deve rimontare per la quarta gara consecutiva e questa volta lo sforzo viene premiato, con il capitano biancorossoblu che trova la conclusione del definitivo 4-4.

Nel finale il Monza potrebbe vincere, nonostante il blu affibbiato a Franci. Così Nadini fallisce un gol a porta spalancata su assist di un infaticabile Julian Martinez. Zampoli salva sul tiro diretto dell’ex Martinez e poi su Mitjans nel power play: proprio con l’uomo in meno arriva l’occasione della vita: Julian Martinez sradica una pallina e fugge in testa a testa con Sgaria, ma colpisce il palo interno.

Il match si chiude con un pareggio che non lascia nessuno scontento, anche se un filo di amaro in bocca in casa monzese rimane.