Le pagelle di Giana-Monza: quante bocciature per i biancorossi, si salvano i mediani

 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 1738 volte
Le pagelle di Giana-Monza: quante bocciature per i biancorossi, si salvano i mediani

Giana-Monza: le pagelle di Luca Viscardi 

LIVERANI 5 Difficile fare di più in occasione del primo e del terzo gol, ma nella marcatura che
(probabilmente) chiude la partita non è impeccabile: infatti è da una sua respinta difettosa che nasce il gol
di Marotta. Nel primo tempo viene salvato dal palo su Gullit Okyere.
 

CARISSONI 5 Travolto dalle folate offensive di uno scatenato Chiarello, che a volte affonda in
collaborazione con l’ex Foglio, l’ex biancorosso vive 95’ di grande affanno: dalle sue parti nasce l’occasione
per il raddoppio di Perna nel primo tempo e l’assist per la terza rete.
 

CAVERZASI 5 Le responsabilità “da accertare” in occasione del primo gol non modificano più di tanto il
giudizio negativo comune a tutta la retroguardia biancorossa: Gullit Okyere non ha la fisicità né l’esperienza
di Bruno, tuttavia sia l’ex Grumellese che Perna riescono spesso a guadagnare sponde preziose per
guadagnare spazi.
 

RIVA 5 In una retroguardia che annaspa vistosamente riesce a farsi valere ricorrendo quantomeno
all’esperienza e al fisico: tanti interventi “sporchi” e piuttosto ruvidi testimoniano le grandi difficoltà di
giornata. Sulla sua pagella pesa anche la lunga serie di errori anche banali in fase di costruzione.
 

ORIGLIO 5 Forse il meno frastornato della retroguardia, perde però Iovine in occasione della terza
marcatura. Timido in fase propositiva, riesce a combinare davvero poco in fase di spinta collaborando con
D’Errico. Anch’egli si macchia di molti pasticci in fase di possesso.
 

GIUDICI 5,5 Pochissimi lampi per l’esterno brianzolo. Nel primo tempo firma uno dei rari guizzi
biancorossi spedendo sulla testa di Cori un traversone invitante, nella ripresa è protagonista dell’unica palla
gol costruita dai suoi: sceglie la soluzione personale, quando forse avrebbe potuto cercare un compagno. Si
guadagnerebbe anche un penalty per un tocco di mano di Foglio su suo traversone, ma è comunque troppo
discontinuo per raggiungere la sufficienza.
 

ROMANO’ 6 Schierato un po’ a sorpresa come titolare, risulta il migliore dei suoi nel primo tempo. Vicino
al gol del pari con una botta da lontano e con uno spunto di testa, cala però di molto nella ripresa.
Paradossalmente sembra patire di più Degeri che Pinardi. 

(PERINI 5,5 In cabina di regia accanto a Guidetti sembra limitarsi a gestire il passivo più che provare a
rientrare in partita: troppo “vuoto” il Monza della ripresa per pensare di fare qualcosa di più).
 

GUIDETTI 6 Nonostante il gol a freddo il capitano ha il merito di provare a rimanere lucido e giocare
“come il Monza sa fare”. Tocca molti palloni e fino al 45’ regge il confronto con la mediana dei
biancoazzurri: dal gol di Marotta in poi non può nulla per arginare le folate dei padroni di casa.

(PALESI 5,5 Entra e dopo una manciata di minuti Iovine firma il tris. Mostra più gamba e più
determinazione di altri biancorossi, forse merita qualche occasione per mettersi in mostra).
 

D’ERRICO 4,5 Un guizzo in meno di 60’ di gioco: Perico (autore di una prova notevole) gli si attacca alle
costole e lo annulla completamente. Poiché non riesce a sfondare sulla sinistra, prova a passare al centro:
anche qui nulla da fare, anzi forse il suo rendimento cala ancora. Evanescente.

(GASPARRI 5 Occasione sprecata per mettere in discussione le gerarchie: in poco più di 30’ riesce a
concludere ancora meno di D’Errico, segnalandosi solo per uno stop difettoso che rischia di concedere a
Pinto il gol del poker).

COGLIATI 4,5 L’ex di turno, ora in biancorosso, non cava il proverbiale ragno dal buco. Montesano e
Bonalumi lo stringono in una morsa dalla quale non riesce mai a liberarsi. Costretto a giocare dando sempre
le spalle alla porta, non riesce a raccordare la linea mediana con gli ultimi 16 metri. Male anche l’intesa
con Cori: i due non riescono a dialogare.

(PONSAT 5 Qualche spunto in più di Cogliati, ma siamo lontani da quanto servirebbe per una sufficienza).
 

CORI 4,5 Nei pressi di Perna in occasione del corner che spacca la partita, manca l’impatto con il cross di
Giudici che forse avrebbe potuto dare origine a una gara diversa. L’ariete biancorosso patisce oltre misura
la fisicità di un difensore solido come Bonalumi ma non certo dotato di un tocco vellutato: neanche con il
pallone tra i piedi riesce a creare un’opportunità per i suoi.
 

All. ZAFFARONI 5 Predica realismo in sala stampa, parlando di veri valori in campo e obiettivi di una
neopromossa. La sconfitta, rotonda nel punteggio, riflette però una prestazione opaca e poco brillante: il
Monza è stato in partita solo per uno spaccato del primo tempo. Ci saremmo aspettati qualche cambio già
all’intervallo per scuotere una squadra evanescente: nessun dramma in chiave campionato, ma si poteva
fare qualcosa di più.
 

Sig. Feliciani di Teramo 6 Non vede – o valuta come involontario - il tocco di mano di Foglio su cross di
Giudici e non convince troppo nella gestione dei cartellini: risparmia un giallo a Riva e un altro a Palesi. In
ogni caso non incide sul risultato finale.

GIANA ERMINIO: Taliento 6; Perico 7,5, Bonalumi 7, Montesano 7, Foglio 7 (Concina 6); Iovine 7 (Sosio s.v.),
Pinardi 6,5 (Degeri 7), Marotta 7,5, Chiarello 7,5 (Pinto 6); Perna 8, Gullit Okyere 6,5 (Capano s.v.). All. Albè 7

Commenta questa notizia sul forum!