Passo e chiudo - Ganz, la mina vagante!

11.05.2018 17:00 di Gabriele Passoni  articolo letto 656 volte
Passo e chiudo - Ganz, la mina vagante!

Qualche giorno fa il nostro direttore ha intervistato Maurizio Ganz, indimenticato bomber per una stagione in biancorosso che ha fatto poi le fortune di Atalanta, Inter e Milan, le sue squadre piu’ importanti (GUARDA L'INTERVISTA) 

Arrivò a Monza nell’estate del 1988 dalla Sampdoria dove era cresciuto. Era l’anno in cui debuttava lo stadio Brianteo e indimenticabile fu il suo esordio in Coppa Italia nello storico e vittorioso incontro con la Roma dove Maurizio si procuro’ un rigore poi fallito da Casiraghi.

Lo stadio era pieno e tutti i settori erano agibili, Maurizio faticò all’inizio del campionato ma poi una volta trovata la giusta collocazione in campo esplose e formo con Casiraghi una coppia formidabile supportati da giocatori giovanissimi che avrebbero poi fatto grandi cose in serie A come Stroppa, Gaudenzi e dal grande Capitano Fulvio Saini faro e trascinatore di Monza.

Bei ricordi, che speriamo non rimangano tali, Monza ha tutto per tornare a calcare la serie B, fino a non troppi anni fa aveva il record di presenze in campionato ed e stato il trampolino di lancio per Ganz e di decine di altri giocatori che hanno fatto la storia del calcio italiano.

Mai dimenticare, che non vuol dire essere nostalgici, ma consci che certe risultati possono essere ripetuti e anche migliorati come la storia del calcio insegna, rialzandosi da periodi bui per tornare ad essere competitivi e vincenti. 

GUARDA ANCHE - Ganz: 'Per un giovane è difficile emergere nel calcio di oggi' 

Gabriele Passoni