Qui Terni - De Canio: 'Non sarà facile vincere il campionato. Berlusconi-Galliani? Non conoscono...'

03.11.2018 19:00 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 997 volte
Fonte: ternananews
© foto di Federico Gaetano
Qui Terni - De Canio: 'Non sarà facile vincere il campionato. Berlusconi-Galliani? Non conoscono...'

Al termine dell'allenamento di rifinitura della Ternana, in vista della gara di domani contro il Monza, si è presentato in sala stampa l'allenatore rossoverde Gigi De Canio. Ecco alcune dichiarazioni riprese da TernanaNews.  

Finalmente conosciamo la nostra categoria di appartenenza: lei ci crede alla B?
"Facciamo solo una piccola analisi: vincere un campionato, in qualsiasi categoria, non è mai scontato. Pensate a squadre come il Catania, il Lecce, il Benevento. Noi abbiamo cambiato tanto e è una difficoltà ulteriore, ma la mia unica preoccupazione adesso sono le assenze importanti nel reparto che è il cuore della squadra. Se fossero stati infortunati uno per reparto non mi sarei preoccupato, basta pensare che due ragazzi che hanno avuto in settimana qualche problema li ho tenuti al riposo, cosa che altrimenti non avrei nemmeno considerato. Fossimo stati tutti al completo, saremmo sempre stati una squadra tonica, e avremmo affrontato questo periodo in maniera serena. Il giocare con questa frequenza ci avrebbe anche fatto comodo per creare i concetti di squadra alla base di qualsiasi successo. Le caratteristiche caratteriali dei nostri giocatori mi danno fiducia perchè certe difficoltà si possano superare, spero solo di recuperarli presto, perchè sono sicuro che domenica dopo domenica le difficoltà si supereranno e possiamo raggiungere risultati importanti, sebbene non mi nascondo le difficioltà di un campionato buono, mi aspettavo peggio. Poi il fatto che la Ternana è una squadra forte, fa nascere negli avversari lo spirito di competizione e di attenzione che si crea giocando contro squadre forti, e questo mi fa anche piacere. Io ho fiducia, e vi voglio ricordare perchè l'anno scorso sono venuto, è tutto messo in preventivo, tranne i tanti infortuni in uno stesso reparto". 

Punti di forza del Monza?
"Buona qualità di gestione della palla, buona tecnica di base da parte soprattutto di centrocampisti e attaccanti, ha alcuni giocatori che sanno saltare l'uomo e creare superiorità numerica". 

Difensori centrali un po' lenti?
"Se fossero perfetti, avrebbero vinto tutte le partite. Tutti hanno dei difetti, delle carenze. La capacità di chi gioca contro è evidenziare le carenze e sfruttare gli errori dell'avversario". 

Una partita da riflettori puntati?
"Loro sono forti anche ora, e hanno un vantaggio rispetto a noi: un'idea di gioco consolidata nel tempo, con un gruppo di giocatori che gioca insieme da tempo". 

Che effetto le fa sfidare di nuovo la coppia Berlusconi-Galliani, non in Serie A?
"E' bello pensare che per amore del calcio non si conoscono confini e categorie, e si abbracci qualsiasi cosa co lo spirito di sempre: essere protagonisti e cercare di costruire qualcosa di importante".