Lampre Merida, Diego Ulissi si aggiudica una tappa del Giro D'Italia

Prima tappa su suolo italiano, primo centro per Ulissi.
10.05.2016 22:44 di Donald Brioschi  articolo letto 299 volte
Fonte: Lampre Merida
Lampre Merida, Diego Ulissi si aggiudica una tappa del Giro D'Italia

Prima tappa su suolo italiano nel Giro d'Italia 2016 e prima vittoria italiana, grazie a Diego Ulissi che tinge di blu-fucsia-verde la 4^frazione, 200 km da Catanzaro a Praia Mare.

Il corridore della LAMPRE-MERIDA ha conquistato la gloria grazie a un finale da fuoriclasse che lo ha portato a raggiungere in solitaria l'arrivo posto sul lungomare di Praia a Mare: distanziati di 5” Dumoulin (ora di nuovo in rosa) e Kruijswijk, il gruppetto degli uomini di classifica.

Ulissi ha costruito il proprio successo rientrando a 30 km dal traguardo su un drappello di attaccanti, fuoriusciti dal plotone quando la fuga di giornata, nella quale pedalava un ottimo Mohoric assieme ad altri tre atleti, è stata riassorbita dal gruppo.
Arrivando sulla testa della corsa, Ulissi ha trovato il compagno di squadra Conti e altri 11 corridori: proprio Conti è stato un alleato preziosissimo per il campione livornese, dato che ha impresso al gruppetto dei battistrada un ritmo efficace che ha tenuto a distanza gli inseguitori.

Via del Fortino, la strada verso l'ultimo scollinamento di giornata a 8700 metri dal traguardo, è stato il trampolino di lancio per Ulissi verso la vittoria.
Con un progressione il corridore della LAMPRE-MERIDA si è sbarazzato degli altri fuggitivi poi, terminata la salita, ha ingranato un rapporto lungo che gli ha consentito di difendere una ventina di secondi di vantaggio sugli avversari fino all'arrivo.

“La vittoria di oggi, ma mia quinta al Giro d'Italia, è molto bella perché va a completare un grande lavoro programmato e realizzato da tutta la LAMPRE-MERIDA – ha spiegato Ulissi – Volevamo entrare nella fuga di giornata e Mohoric è stato puntuale, poi gli altri miei compagni mi hanno consentito di prendere le salite sempre in ottima posizione, infine Conti, come previsto, è stato l'uomo in più per il finale.
Appena sono rientrato sui battistrada, Valerio ha iniziato a tirare fortissimo, è stato impressionante, poi sull'ultima salita ho pensato a salire con una progressione senza strappi e, quando ho capito che gli avversari non erano riusciti a seguirmi, ho tirato dritto senza voltarmi.
Solo in prossimità del traguardo, sentendo la folla festante, ho capito che ce l'avevo fatta.
Grazie alla squadra, grazie a tutto lo staff e agli sponsor: è una grande gioia regalare a tutti loro queste soddisfazioni”.

Per Ulissi, balzo anche nella graduatoria generale, nella quale occupa ora il 3° posto a 20” da Dumoulin.