G-Drive Racing fa l'en-plein a Monza. Svetta il tricolore tra le GT

L'equipaggio del team G-Drive racing, dopo un avvio poco positivo di gara, è riuscito a primeggiare anche quest'anno in Brianza
13.05.2019 21:46 di Cristiano Mandelli   Vedi letture
G-Drive Racing fa l'en-plein a Monza. Svetta il tricolore tra le GT

Grande spettacolo in pista con la ELMS lo scorso week end, con il team G-Drive Racing che ha bissato il successo ottenuto nel 2018 ed ha vinto nuovamente, dopo aver ottenuto la pole position, la 4 Ore di Monza. Sono saliti sul podio della classe LMGTE gli italiani Matteo Cairoli e Riccardo Pera insieme al tedesco Christian Ried sulla Porsche 911 di Dempsey Proton Racing. In classe LMP3 ha trionfato, dopo una risalita dal fondo della griglia, la Eurointernational di Jensen e Petersen.

LA CRONACA DELLA GARA

La Aurus #26 di Roman Rusinov, Job Van Uitert e Norman Nato partita in prima linea nella griglia della 4 Ore di Monza è riuscita a mantenere per gran parte della gara la testa della competizione, arrivando sotto la bandiera a scacchi con oltre 2 secondi di vantaggio sulla seconda LMP2. Il primo gradino è però stato conteso grazie ad una serie di FCY e safety car che hanno ricompattato più volte il gruppo avvicinando i primi tre prototipi. Ad avere la meglio, dunque, è stato l’equipaggio del team russo con Van Uitert che ha segnato anche il giro più veloce della gara (1:36.979), seguito dal prototipo #28 Idec Sport di Paul Lafargue, Paul Loup Chatin e Memo Rojas. In terza posizione, la United Autosport #32 condotta da Ryan Cullen, Alex Brundle, William Owen. La Cetilar Villorba Corse di Lacorte, Sernagiotto e Belicchi si ferma dopo 35 giri per un problema all’idroguida emerso nei giorni scorsi e ripresentatosi in gara.

Nella classe LMP3 trionfa a sorpresa la Eurointernational #11 che alle 12 era partita dalla penultima fila della griglia. Mikkel Jensen e Jens Petersen festeggiano così sul podio di classe con la Inter Europol Competition guidata da Martin Hippe e Nigel Moore e la United Autosport #2 di Wayne Boyd, Garett Grist e Tommy Erdos.

L’affetto del numeroso pubblico monzese è però per l’equipaggio vincitore della LMGTE. Dopo la pole position, la Porsche 911 della Dempsey Proton Racing si dimostra l’auto più performante della 4 Ore di Monza. Christian Ried, Riccardo Pera e Matteo Cairoli chiudono quindi la gara primi. A JMW Motorsport e Luzich Racing, il secondo e terzo posto. Spiega Cairoli: «La gestione delle gomme è stata ottima e non ho avuto problemi durante il mio stint. Ero concentrato e mi sono goduto ogni giro. Da italiano, vincere a Monza è sempre speciale». Emozioni condivise anche dal compagno Pera che confessa però di aver avuto più problemi nel gestire gli pneumatici.

Il divertimento per il pubblico monzese non è mancato perché pitlane e griglia di partenza sono stati aperti ai tifosi per avvicinarli alle vetture della European Le Mans Series. Un’ampia folla ha così potuto camminare tra prototipi e GT pochi minuti prima dello start della gara. Si è potuto quindi vedere l'entusiasmo creato da questa iniziativa, che speriamo possa portare a replicarla anche in altre gare che si svolgeranno prossimamente a Monza.