#GPitalia2018 - Piove, i big si nascondono

Tanta pioggia e poco spettacolo durante la prima sessione di prove libere al #ItalianGP
31.08.2018 12:59 di Cristiano Mandelli  articolo letto 190 volte
#GPitalia2018 - Piove, i big si nascondono

Pioggia battente e un forte temporale hanno caratterizzato la prima sessione di prove libere del Gran Premio d’Italia di Formula Uno. Sarà che per domenica è previsto bel tempo e probabilmente sereno, sarà così probabilmente anche durante le prove di qualificazione, ma i big si sono nascosti, limitandosi ad effettuare una manciata di giri del tracciato.

Così a fine prove Vettel risulta aver percorso solo 4 giri, Hamilton 6, Bottas 8. Ed i loro tempi, ovviamente, non sono nemmeno da considerare, tanto che Bottas alla fine è risultato decimo, seguito appunto da Hamilton, mentre la Ferrari numero 5 di Vettel addirittura diciassettesima.

Chi ha scaldato l’animo dei tifosi, fermi in tribuna bagnati e infreddoliti, è stato Kimi Raikkonen, il vero stakanovista delle prove. Il finlandese ha effettuato oltre una ventina di giri, percorrendo praticamente oltre metà della distanza da effettuare durante il Gran Premio. La sua rossa numero 7 si è classificata seconda a fine prove, dietro solo a Sergio Perez con la Force India. La ex squadra indiana, che ora è di proprietà del papà del pilota Lance Stroll, ha ben figurato ed ha piazzato anche Esteban Ocon in terza posizione. Entrambe le monoposto rosa hanno girato a lungo e si sono dimostrate molto veloci, con velocità di punta davvero importanti. Saranno loro il terzo incomodo per la gara di domenica?

Essendosi nascosti Hamilton, Vettel e Bottas, nelle prime posizioni della classifica, dalla quarta alla settima posizione, troviamo i piloti marchiati Red Bull. Hartley quarto, Ricciardo quinto, Gasly sesto e Verstappen settimo hanno macinato chilometri migliorando costantemente. Per Ricciardo c’è stato il giallo iniziale, quando, uscito per primo nelle prove, ha percorso l’intero tragitto quasi a passo d’uomo. Probabilmente un problema, manifestatosi alle curve di Lesmo, lo ha spinto a procedere molto lentamente e a fermarsi immediatamente ai box. Nulla di grave però per lui, che è sceso nuovamente in pista da metà sessione. Anche il suo compagno di squadra, Max Vestappen, ha animato le prove con un mezzo testacoda all’uscita della curva Parabolica, nel quale ha ripreso immediatamente la vettura a centro curva evitando di colpire le barriere. Addirittura non è nemmeno rientrato ai box, proseguendo nei giri come se nulla fosse accaduto.

Nel pomeriggio, dalle ore 15.00 ci sarà la seconda sessione di prove libere, dove si farà sul serio. La pista dovrebbe presentarsi asciutta e nelle condizioni ideali per provare le soluzioni ideali per la gara di domenica.