Niente impresa a Civitanova: contro la Lube è un 3-0 secco

 di Roberto Della Corna Twitter:   articolo letto 204 volte
Niente impresa a Civitanova: contro la Lube è un 3-0 secco

14^ giornata Superlega Unipolsai: CUCINE LUBE CIVITANOVA - GI GROUP TEAM MONZA


Tabellino: Cucine Lube Civitanova – Gi Group Team Monza 3-0 (25-23, 25-14, 25-20)

Cucine Lube Civitanova: Cester 3, Christenson 2, Juantorena 12, Stankovic 11, Sokolov 14, Kaliberda 13; Pesaresi (L). Grebennikov. N.E. Candellaro, Casadei, Kovar, Corvetta, Cebulj. All. Blengini
Gi Group Team Monza: Botto 3, Beretta 8, Hirsch 5, Fromm 8, Verhees 5, Jovovic 4; Rizzo (L). Dzavoronok 2, Daldello, Galliani, Terpin. N.E. Forni, Brunetti. All. Falasca

MVP: Dragan Stankovic (Cucine Lube Civitanova)
Spettatori: 2.340


Civitanova, 11 dicembre - Il Gi Group Team Monza si ferma innanzi ad una corazzata: la Cucine Lube Civitanova. In quel della città marchigiana, infatti, il team monzese non riesce ad esprimere il proprio gioco (specie nel secondo set) e cade sotto gli attacchi di un team molto più esperto e coriaceo, creato per raggiungere obiettivi ormai noti sia in Italia, che in Europa. 
Oggi, purtroppo, non si è vista la giusta cattiveria agonistica negli occhi dei ragazzi di coach Falasca, agevolando così il compito dei marchigiani, già favoriti per le loro abilità. Purtroppo, è mancata la continuità delle partite viste contro team top come Modena e Trento, e la prestazione odierna ne ha risentito.


La partita - La Cucine Lube Civitanova, grazie alle giocate di Stankovic (MVP del match) e Kaliberda, parte subito alla grande, portandosi sul 5-1 ed obbligando Falasca al time-out. Hirsch e Fromm provano a rimettere Monza sulla giusta strada, portando il distacco a -3: 7-4. I brianzoli ci credono, e, dopo un filotto di 6 punti consecutivi, riducono lo svantaggio ad una sola lunghezza, dopo l' ace di Jovovic (9-8). Le distanze rimangono tali fino al 12-11, dove la Lube riallunga con le giocate di due punti cardine come Juantorena e Stankovic (15-11). Il Gi Group tenta di rimanere agganciato (19-17), ma Civitanova allunga nuovamente sul 23-19 (Juantorena-Kaliberda). Il set sembra chiuso, quando un errore di Juantorena ed un muro di Jovovic su Kaliberda riportano Monza ad un solo break di distacco: 23-21. Esso, però, rimane fino alla fine, portando il set sul 25-23 per i marchigiani.

Il secondo parziale, dopo un avvio in parità (3-3), vede Civitanova allungare 7-3 con gli attacchi di Sokolov ed il solito Juantorena. Monza non sembra in partita e fatica a tenere la scia marchigiana: 11-5. Si tenta una ripresa con Jovovic ed un muro di Beretta su Juantorena sul 13-8, ma i padroni di casa non si lasciano intimorire, allungando nuovamente fino al 16-8. I brianzoli scompaiono, così i primi in classifica hanno vita facile e vanno ad acciuffare anche il secondo set sul 25-14, dopo un errore finale in battuta di Galliani.

Il terzo periodo sembra nato ad immagine e somiglianza del secondo, che, dopo un iniziale parità sul 3-3, vede l' allungo dei padroni di casa sul 5-3. A differenza del gioco precedente, però, Monza pareggia subito i conti con Fromm (5-5). Sokolov e Juantorena, però, non ci stanno e guidano i suoi ad un nuovo allungo: 8-5 prima, e 10-6 poi. I brianzoli non sono domi e, grazie alle giocate di Beretta ed Hirsch tentano di ricucire lo svantaggio, fino a portarlo al -2 (10-8). Il servizio monzese aumenta di intensità, e raggiunge l' apice con l' ace del solito Botto, il quale permette il sorpasso brianzolo sul 12-11, dopo che un attacco centrale di Beretta aveva timbrato il pari sull' 11. Punto a punto fino al 16-16, dove la Lube ottiene un nuovo break di vantaggio: 18-16. Un primo tempo di Beretta riporta il Gi Group al -1 (19-18), ma Civitanova si porta nuovamente avanti fino al 21-18. Monza cede, e così la partita termina 25-20 e 3-0 con un muro di Kaliberda su Hirsch.


Ora il Gi Group Team Monza sarà impegnato nei quarti di finale della Del Monte Coppa Italia, contro la Bunge Ravenna, mercoledì 14 dicembre (h. 20.30), sul taraflex del Palazzetto dello Sport di Monza.
L' occasione è di quelle giuste per poter riprendere subito il piglio giusto con la vittoria. I ravennati, infatti, sono alla portata dei ragazzi di Falasca, ma avversario molto ostico, come la sfida in campionato (ottenuta solo dopo il tie-break) ha insegnato. I brianzoli, però, dalla parte loro avranno il calore del pubblico di casa e la voglia di ricominciare a correre e di raggiungere il fine di andare il più a fondo possibile anche in Coppa Italia. Se si superasse Ravenna, infatti, l' avversario sarà quella Trento alla quale si ha dato molto del filo da torcere in campionato. Prima di tutto, però, servirà concentrazione e carattere per sconfiggere l' avversario che si presenterà al fronte, perchè coi se e coi ma non si va da nessuna parte.


Roberto Della Corna

Commenta questa notizia sul forum!