Brocchi integrale: 'Vittoria meritata. Complimenti a ragazzi anche se non abbiamo ancora fatto niente. Su Reginaldo e il quinto posto da giocarsi col Sudtirol...'

29.04.2019 11:00 di Redazione MonzaNews Twitter:    Vedi letture
Mister Brocchi
Mister Brocchi

Vi proponiamo la conferenza stampa di mister Cristian Brocchi al termine dell'ultima apparizione casalinga dei biancorossi, terminata con un rotondo 3-0 ai danni della Fermana.

- Mister, si può dire che il Monza abbia fatto la partita che voleva, senza concedere nulla e creando tante occasioni. Peccato solo che ne avete sprecata qualcuna...
"Potevamo chiuderla prima perché poi il timore - tra virgolette - era che nel secondo tempo potessero venire a mancare un po' di energie. C'è infatti stato un momento della ripresa, all'inizio, in cui abbiamo mollato un attimo la presa. Sono quei momenti che a me non piacciono, però è stato importante fare il 2-0, nonché l'ingresso di alcuni giocatori, subentrati col piglio giusto. E' questo quello che voglio dal mio gruppo: è stato bello anche per questo, sia per coloro che sono partiti sia per coloro i quali sono subentrati a partita in corso". 

- La Fermana è una delle squadre che probabilmente farà i playoff: come li ha visti?
"Sicuramente noi abbiamo giocato una buonissima partita, quindi abbiamo meritato la vittoria. Ma i playoff sono una storia a sé e non si possono paragonare le gare di campionato a quanto accadrà allora. Saranno sicuramente un avversario ostico, dato che oggi (ieri, ndr) avevano anche delle assenze importanti".

- A proposito dell'ultima di campionato: cosa chiederà alla squadra?
"Quello che chiedo sempre: di mettere in campo determinazione, voglia di vincere, spirito di gruppo. Ed è quello che abbiamo sempre cercato di fare, a parte due partite in cui non è successo e abbiamo preso schiaffoni non indifferenti. Come ho già spiegato fa parte del percorso di crescita e di una stagione iniziata tardi: se avessimo potuto partire dall'inizio con questo gruppo magari adesso saremmo in una situazione diversa".

- Quanto peserà giocare una gara di campionato che conta il giusto - cioè per il piazzamento playoff - a pochi giorni dalla finale di ritorno?
"Però conta, quindi sicuramente sarà un peccato dover giocare dopo pochi giorni una finale. Però come abbiamo sempre fatto durante tutta la stagione, faremo affidamento su tanti giocatori sperando che quelli che giocano ci riescano a dare quello che ci hanno già dato in diverse partite. La finale sarà qualcosa a sé".

- Reginaldo offre sempre prove convincenti...
"Io sono sempre stato soddisfatto di Regi. Lui vorrebbe giocare sempre: in allenamento sembra un ragazzino e questo gli allunga la carriera. Si allena bene, dà sempre tanto, è normale che avendo là davanti Brighenti e Marchi lui abbia giocato qualche partita in meno, ma ne ha giocate comunque tante. La cosa bella è che se devo fare un cambio, so che c'è lui e sono tranquillo. I 90'? Lui li può avere perché ci mette tutto quello che ha e anche quando non ne ha più cerca di tirare fuori. A parte per qualche giocatore cardine, come Scaglia, a centrocampo e in attacco non bisogna avere l'obiettivo di fare 90' ma di fare il meglio possibile per i minuti che giocano. Che Regi giochi 5' o 90' non fa differenza: lui ci mette sempre impegno e mi dispiace non sia riuscito a segnare in questo periodo. Segnerà nei playoff? Speriamo...".

- Si è giocato bene palla a terra, a causa del vento...
"Non è la prima volta. E' quello che io chiedo e che voglio. A me non piace quando la palla balza da una parte all'altra: perde la qualità del calcio. Poi è normale che alcune partite le devi giocare anche su quello perché la categoria ti porta a giocare partite sporche e noi queste le soffriamo. Speriamo ci sia il vento ai playoff? Speriamo di arrivarci stando bene e speriamo che la nostra squadra ci metta quello che ha messo in tante partite".

- Col Sudtirol sarà uno spareggio per il quinto posto...
"Come ho detto prima, è un peccato ma è così. E' inutile piangerci addosso, anche se magari se non avessimo interpretato male la gara di Bergamo o quella con la Giana, avremmo potuto portare a casa un risultato diverso: con qualche prestazione diversa avremmo avuto qualche punto in più. Ma fa parte del nostro percorso che, a una giornata dalla fine, penso sia comunque importante. Dobbiamo fare i complimenti ai nostri ragazzi, anche se - come detto a loro - non abbiamo ancora fatto niente".

- Abbiamo creato così tante occasioni da gol che non siamo stati bravi a segnarle tutte...
"Qualche volta è stato bravo il loro portiere. Il primo tempo su Brighenti ha fatto una bella parata, c'è stato un salvataggio sulla linea su un tiro di Marconi, un gol annullato per fuorigioco. Abbiamo avuto nella ripresa altri interventi ottimi del loro portiere: si poteva chiudere prima, ma dobbiamo essere comunque contenti".