Code ai botteghini, un tifoso ci scrive: 'Troppa disorganizzazione'. Le mosse della società

 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 1248 volte
Code ai botteghini, un tifoso ci scrive: 'Troppa disorganizzazione'. Le mosse della società

Riceviamo e pubblichiamo la mail di Mauro 

'Non voglio fare polemica, ma davanti a tanta disorganizzazione trovo doveroso un commento. Io vivo a Bergamo ma sono nato a Monza e quindi sempre tifosissimo per la squadra della mia città. Domenica sono arrivato ai botteghini 30 minuti prima dell'inizio della partita, attesa esagerata per attendere il mio turno e poi vedere, dopo che la partita era iniziata da più di dieci minuti, piazzare biglietti senza più il ben che minimo controllo dell'identità di ogni persona. Quindi mi domando: davanti a circa 200/250 persone si può essere cosi disorganizzati da non mettere a disposizione qualche botteghino in più?
Perdonate il mio disappunto, ma questo non è certo il modo per far tornare la gente al Brianteo'. 

Risponde il direttore di Monza-News, Stefano Peduzzi

Gentile Mauro, abbiamo documentato in presa diretta con le foto pubblicate sulla nostra pagina Facebook (qui) quanto accaduto domenica prima di Monza-Carrarese. Il problema delle biglietterie c'è sempre stato quando non vi è l'accesso degli abbonati al Brianteo. Non parlerei, però, di disorganizzazione da parte del Monza che aveva richiesto piu' volte ai tifosi di acquistare i biglietti in prevendita. Mi risulta che chi è arrivato con largo anticipo non ha avuto alcun problema.

Per quanto riguarda l'apertura di più botteghini, la Società aveva a disposizione soltanto due macchinette per emettere i biglietti (e ci sono stati anche problemi di linea) che potrebbero essere raddoppiate in campionato. Quando diminuirà il numero dei paganti con l'apertura dello stadio agli abbonati (e con piu' macchinette per i biglietti a disposizione) la situazione sono certo che tornerà a migliorare. 

Grazie per averci scritto. 

Stefano Peduzzi


 
 
 

Commenta questa notizia sul forum!