Il pagellone dei centrocampisti: D'Errico è sempre la stella, Guidetti capitano vero. La sorpresa è...

 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 625 volte
Il pagellone dei centrocampisti: D'Errico è sempre la stella, Guidetti capitano vero. La sorpresa è...

Il pagellone dei centrocampisti del Monza 

Giudici 7 il suo biglietto da visita è stato il gol che ha chiuso la partita d’esordio contro il Piacenza ed è stato l’inizio di un periodo da favola, durante il quale si è attestato addirittura come capocannoniere biancorosso. Dopo l’exploit di Siena ha accusato un comprensibile calo fisico, e Zaffaroni gli ha preferito in qualche occasione Gasparri. L’aria di Natale gli ha fornito nuova linfa, riportandolo sui livelli di inizio stagione. E' lui la vera sorpresa del reparto 
Gasparri 5,5 dei sedici gettoni collezionati in campionato, soltanto quattro sono stati da titolare: per lui un girone d’andata faticoso, nel quale ha sofferto l’esperienza dei difensori avversari, riuscendo raramente ad incidere. 
Guidetti 7,5 dalla Serie D alla Lega Pro, nulla è cambiato: il capitano si è confermato faro per i compagni, orchestrando la manovra esattamente come nella stagione precedente. Pedina indispensabile nello scacchiere di Zaffaroni, dai suoi piedi passano tutte le azioni biancorosse.
Perini 6,5 dopo un inizio ai box causa infortunio, il mediano si è ripreso il posto da titolare in mezzo al campo, mettendo tutta la sua esperienza al servizio della squadra. La coppia che forma con Guidetti è collaudata e, al momento, la migliore.
Galli 6 in tandem con Palesi condivide il ruolo di vice Perini. Ha collezionato alcune buone prestazioni, dimostrandosi anche una valida alternativa a partita iniziata.
Palesi 5,5 raramente schierato da titolare, deve ancora migliorare per poter essere a proprio agio tra i professionisti. I margini per crescere, comunque, ci sono tutti.
D’Errico 7,5 la partenza a rallentatore aveva aizzato la fantasia dei maligni, convinti che l’exploit della passata stagione fosse irripetibile dinnanzi ad avversari ben più blasonati. Lui, invece, come il migliore dei diesel, si è preso settembre per ambientarsi, ritornando in breve tempo lo straordinario funambolo che tutti avevano ammirato in Serie D. 

Romanò 5.5 Più ombre che luci: il centrocampista di proprietà dell'Inter avrebbe bisogno di giocare con più continuità per poterlo giudicare.