Il pagellone del girone d'andata - C'è un 8 per un difensore, ma tutto il reparto è sul pezzo!

08.01.2018 12:30 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 1223 volte
Il pagellone del girone d'andata - C'è un 8 per un difensore, ma tutto il reparto è sul pezzo!

Il pagellone dei difensori del Monza (Leggi qui i portieri)


Tentardini 6,5 un’ottima prima metà di stagione per questo promettente terzino, utilizzato con buona costanza da Zaffaroni, che sembra ormai preferirlo ad Origlio. Può migliorare nella fase offensiva, e ha tutto il tempo per farlo. 


Origlio 6 uno dei protagonisti della cavalcata trionfale in Serie D, il salto di categoria pare avergli tolto un pizzico di quella sfrontatezza che tra i dilettanti gli permetteva sontuose sgroppate da una porta all’altra. Quando è sceso in campo, comunque, ha fornito buone prestazioni, dimostrandosi un’ottima opzione, soprattutto quando la partita richieda un assetto maggiormente offensivo. 


Riva 8 ammettiamolo: eravamo in molti a credere che, orfano del compagno Ruffini, questo solido centrale difensivo avrebbe perso parte della propria affidabilità, ritenendo rischioso affidargli la “direzione” dell’intero reparto. Bene, lui ha smentito tutti, dimostrando non solo di essere in grado di reggere l’urto del professionismo, ma di trovarsi perfettamente a proprio agio, migliorando addirittura le performance della passata stagione. Se il Monza, con soli 19 gol subiti, è la quarta difesa del campionato, una bella fetta di merito spetta proprio a lui.


Caverzasi 6,5 come sopra, con ancora più dubbi: chi l’avrebbe mai detto che un difensore che in Serie D non aveva quasi mai trovato spazio, sarebbe stato all’altezza di una categoria così complessa come la Lega Pro? Onestamente, in pochissimi. Il classe ’94 ha però fatto valere le proprie doti, disputando un girone d’andata di ottimo livello e diventando titolare fisso di una delle migliori difese del campionato. 


Negro 6 l’infortunio del collega di cui sopra lo aveva lanciato, permettendogli di disputare una serie di partite consecutive da titolare, nelle quali aveva ben figurato. Il rientro di Caverzasi lo ha però costretto a sedersi in panchina, e da lì in poi non è più riuscito a scalare le gerarchie del tecnico. 


Carissoni 6,5 ha vinto il ballottaggio con Adorni sulla corsia di destra, scendendo in campo con regolarità e dimostrandosi all’altezza delle aspettative. Come per il collega Tentardini, può e deve crescere in fase offensiva.
Trainotti 6 arrivato a stagione già cominciata, ha “speso” la prima parte del girone di andata per entrare in condizione e amalgamarsi con il gruppo. Con il passare dei mesi, Zaffaroni gli ha concesso più di una chance dal primo minuto, che lui ha saputo sfruttare garantendogli attenzione e concretezza.  


Adorni 6 dopo un buon inizio di stagione, l’espulsione rimediata a Prato lo ha costretto ai box, facendolo scendere dal treno dei titolari. Ora ha un girone per scalare nuovamente le gerarchie del tecnico.