Il punto di Stefano Peduzzi - Oggi sarà tutta un'altra storia

 di Redazione MonzaNews Twitter:   articolo letto 793 volte
Stefano Peduzzi
Stefano Peduzzi

E' la partita più attesa dell'anno. Nell'aria, per chi ha il cuore biancorosso, è stata come la vigilia di un derby con il Como. Già, il cuore. La ferita per i fatti di Pisa-Monza è ancora aperta. Da parte nostra, s'intende. Perchè, a distanza di 10 anni, dall'altra parte, dopo averne fatte di tutti i colori e aver festeggiato un'immeritata promozione, non hanno visto. O , forse, hanno fatto finta di non vedere.

I giocatori del Monza svegliati in piena notte durante il ritiro prepartita, gli stessi costretti a scendere dal pullman prima della partita per arrivare allo stadio. All'Arena dovevano entrare al massimo 10mila tifosi, ne arrivarono molti di più. Situazione caotica anche in tribuna stampa con l'indimenticato Claudio Parma sbattuto in un sottoscala a scrivere il proprio pezzo e Giancarlo Besana costretto a litigare con uno steward per avere legittimamente il proprio posto.

E in campo? L'arbitro di allora era un certo Valeri che non diede al Monza un clamoroso rigore che avrebbe consentito al Monza di andare in serie B. La storia sul campo poteva finire lì, ma non fu così. Al fischio finale, dopo un'invasione durante la partita, i tifosi del Pisa andarono a provocare quelli monzesi nel proprio settore. Una porta si aprì e giù botte.  

Una finale? Una giornata di calcio? Ma per favore! Quella partita non si doveva giocare: punto. Oggi a Monza si giocherà regolarmente. Per i tifosi del Monza questa è più di una partita, Guidetti e compagni l'hanno capito da tempo. E oggi, ne siamo certi, sarà tutta un'altra storia. 

Stefano Peduzzi

 

Commenta questa notizia sul forum!