Juniores, si ricomincia col piede giusto: il tris di Cantatore affonda il Lecco

 di Antonio Sorrentino  articolo letto 570 volte
Lecco-Monza
Lecco-Monza

Lecco-Monza 0-3 (0-1)

Marcatori: 13' Cantatore (M) 55' Cantatore (M) 77' Cantatore (M)

Lecco: Costa, Porta, Loffredo, Di Nardo, Buccellato, El Hadji, Rota Nodari, Lardera (46' Consonni), Cesarotti (82' Bertolini), Bernasconi, Radio (48' Barresi) (a disposizione Comi, Zambelli, Momo, Sala, Frassino)

Monza: Carpino, Gervasoni, Fabbriconi, Berti (70' Bettonte), Fiore, Tufo, Cicala (74' Perversi), Fumagalli, Cantatore, Petrolà (74' Ferrerio), Villani All.Molteni (a disposizione Cozzi, Ampollini, Bertazzoli, Galbiati, Lanzotti)

Arbitro: Cendamo di Sesto S.G. (Benfatto-Siciliano)

Lecco che cerca una rivincita dopo il 3-1 con cui Saini bagnò la gara del debutto: andarono a segno per i padroni di casa Costantino (che ha lasciato i biancorossi) e Petrolà, autore quest'ultimo di una doppietta; le speranze di un buon campionato, magari condito dalla qualificazione nazionale che manca dai tempi di Bergomi, si sono spente, essendo il Monza stato sconfitto più volte di quelle in cui ha vinto. Le aquile hanno nel loro misero gruzzolo quattro punti, frutto della vittoria sulla Pro Sesto e del pareggio con la Bustese: otto le loro sconfitte.

Cinque i cambi rispetto alla gara prenatalizia: dentro Tufo, Berti, Cicala, Cantatore e il debuttante Gervasoni, giocatore numero ventinove impiegato da Saini, ancora squalificato; è la decima presenza dall'inizio per Petrolà e Villani.

Su un campo secco e gibboso il Monza si impossessa della palla e macina occasioni in quantità: in particolare Cantatore per tre volte può concludere a rete nel quarto d'ora iniziale e Petrolà sprecare parecchio dopo la rete del vantaggio del compagno di reparto.

Si va a riposo con i tre punti in tasca, perché al gol di Cantatore, al rientro negli undici dopo sette gare, non replica all'ultimo istante Rota Nodari: il centavanti ospite risolve una mischia nata dopo la punizione dalla sinistra di Fumagalli, calciata dal lato opposto da Cicala (palla respinta da Costa, con l'aiuto del palo), mentre il contropiede avversario non risulta micidiale per la poca coordinazione di Cesarotti e per la prontezza di Carpino sul numero sette di casa.

La pochezza dei lacustri fa da cornice anche al secondo tempo, che manda agli archivi il tris del Monza: prima Petrolà si accentra e coglie in verticale lo smarcamento di Cantatore, freddo nel battere l'estremo difensore in uscita, poi Cantatore si inserisce tra le maglie della difesa schierata e sfrutta in fotocopia l'assist dai venti metri di Fumagalli.

La punta porta così a sette i propri gol. cinque dei quali siglati in trasferta: clamorosa inoltre una sua occasione su cross dalla destra di Villani, occasione per due volte non concretizzata; invece i blucelesti, nelle cui fila militano gli ex Bernasconi, Cesarotti (entrambi '00) e Consonni, mantengono la loro media di tre reti subite a partita.

Il Monza torna quindi dal gelo di Robbiate con la quarta vittoria esterna, dopo quelle con Cavenago Fanfulla, Inveruno e Olginatese, e con la terza porta inviolata della stagione; sabato tocca alla Folgore, dirompente nella gara di andata, riaprire Monzello: Caronnese, Seregno e Legnano sono state corsare nelle ultime tre partite, la vittoria in casa manca altresì da fine ottobre.

Antonio Sorrentino

Commenta questa notizia sul forum!