L'analisi - Un bel Monza nella prima frazione supera poi con sofferenza (per via di qualche episodio) un fastidioso Ravenna. Chiricò e Marchi...

28.01.2019 08:00 di Sandro Coppola Twitter:    Vedi letture
L'analisi - Un bel Monza nella prima frazione supera poi con sofferenza (per via di qualche episodio) un fastidioso Ravenna. Chiricò e Marchi...

Rilevante vittoria biancorossa contro il Ravenna nella 23^ giornata di campionato che permette ai brianzoli di superare gli stessi romagnoli e di collocarsi in sesta piazza di graduatoria, a cinque punti dalla seconda classificata Imolese. Sono 22 i punti della gestione Brocchi in quindici gare, cinque le reti subìte nelle ultime undici mentre salgono a quattordici quelle realizzate. Inoltre ammontano a sette (13 punti) i match in cui il 1912 è imbattuto, risale infatti all'11 dicembre a Rimini l'ultima sconfitta (allo scadere).

Qui per i numeri: (clicca qui)

Brocchi ha schierato il doppio regista (Fossati e Armellino) in un 4-4-2 che in fase di possesso si è espresso molto bene con ritmo, fraseggi fluidi, idee piuttosto chiare, convinzione e soprattutto personalità; da una bella triangolazione dei migliori in campo Chiricò e Marchi è nato il meritato vantaggio al quarto d'ora e a taccuino si sono annotate almeno altre due chance limpide con Marchi (traversa) e Brighenti per arrotondare nel prosieguo. Come detto i Bagaj per una buona mezzora sono stati convincenti nel mantenimento delle redini del possesso palla ma hanno concesso qualcosa a livello di marcature in area difensiva centralmente, con Nocciolini che ha scaldato i guanti di Guarna

Qui per rivivere il live della gara(clicca qui)

Nella ripresa il canovaccio è un attimo mutato, i padroni di casa non sono apparsi così brillanti come nella prima frazione e gli uomini di Foschi (schierati 3-5-2 con Selleri a offrire meno punti di riferimento possibili) hanno guadagnato campo e fiducia mentre il Monza è calato in fase di impostazione e sull'aspetto fisico. Al 61' il patatrac da matita rossa di Guarna, decisivo in positivo a Meda qualche giorno prima, che non ha controllato clamorosamente una debole inzuccata di Nocciolini su corner. L'impressione che i ravennati, nonostante non stessero sfigurando, avrebbero potuto segnare solo grazie ad un episodio, i brianzoli poi per abbondanti dieci minuti hanno accusato il colpo e concesso qualche spazio di troppo agli avversari. Tuttavia con gli ingressi di Ceccarelli e Palazzi per Chiricò (calato alla distanza) e Fossati la situazione è migliorata con tanto di reazione e il Monza è passato a sette dalla fine con l'imprescindibile Marchi che si è conquistato una vera e propria manna dal cielo su assist di Ceccarelli, un rigore che Derrick ha trasformato concretizzando una vittoria sostanzialmente legittima.

Qui per le pagelle(clicca qui

Il nuovo Monza sta crescendo piano piano ma sta ottenendo risultati preziosi; bisogna sì migliorare sotto alcuni punti di vista, da quello fisico-atletico a quello tattico, soprattutto in fase di non possesso, ma il roster sta manifestando idee chiare e personalità oltre che una buona intesa in fase di proposizione e negli scambi stretti. Da giocatori di questo lignaggio qualitativo ce lo si aspetta ma dalla cintola in su le vicissitudini stanno progredendo positivamente con un piuttosto sorprendente anticipo; gli under stanno reggendo bene e con coraggio l'urto delle pressioni e dei nuovi meccanismi e anche Giudici, al rientro, è stato incoraggiante nel ruolo di terzino destro che negli scorsi mesi lo ha visto invece piuttosto in difficoltà. La difesa deve migliorare in alcuni frangenti sull'ambito collettivo di movimenti e marcatura ma sta già evidenziando buonissimi riscontri a livello individuale. La strada sembra essere quella giusta, bisogna continuare su questo atteggiamento e migliorare scrupolosamente ogni particolare.

Qui per le immagini del match: (clicca qui)

Sandro Coppola