La presentazione dell'avversario: prove di sorpasso sul SudTirol del premiato Zanetti

26.12.2018 08:00 di Antonio Sorrentino   Vedi letture
La presentazione dell'avversario: prove di sorpasso sul SudTirol del premiato Zanetti

Nemmeno il tempo di smaltire il cenone di Natale e il bellissimo successo di Fermo che ad attenderci al Brianteo arriva il SudTirol. La squadra altoatesina, guidata dall'ex regista del Torino Paolo Zanetti (Panchina d'Oro della Lega Pro), occupa il nono posto in classifica con due punti di vantaggio sul Monza. Zanetti siede sulla panchina dell'Alto Adige dalla scorsa stagione e i bolzanini rappresentano la sua prima esperienza da allenatore, dopo il ritiro dal calcio giocato avvenuto nel 2014: nonostante questo nell'ultima annata ha guidato i propri ragazzi ad un ottimo secondo posto nel girone B di Serie C, chiudendo sette punti dietro il Padova, e disputando quindi i playoff dai quali è stato eliminato in semifinale dal Cosenza, che poi approderà in Serie B vincendo la finale contro la Robur Siena allo stadio Adriatico di Pescara.

I biancorossi di Bolzano vengono da un pareggio casalingo per 1-1 contro l'Imolese e sono in striscia positiva da tre partite, fuori casa o al Druso di Bolzano non fa alcuna differenza per la squadra di mister Zanetti, i punti conquistati in trasferta sono gli stessi ottenuti giocando tra le mura domestiche, il ruolino esterno del Sudtirol recita tre vittorie (tra cui il prestigioso successo al Menti), quattro pareggi e due sconfitte; l'ultima vittoria esterna è arrivata proprio dieci giorni fa in Brianza, contro il Renate.

Seconda difesa meno perforata del campionato, l'Alto Adige è solito giocare con un 3-5-2, nell'ultima partita i protagonisti sono stati: Offredi tra i pali, i tre centrali Casale, Ierardi e Vinetot (che può vantare un ottimo passato tra B e C con Crotone e Lecce); regista di centrocampo è Morosini, che i monzesi hanno già incontrato l'anno scorso quando il centrocampista militava nel Piacenza, alla sua sinistra Berardocco, autore del gol del momentaneo 1-0 contro l'Imolese, mentre a destra l’ex Casertana De Rose; sulle fasce agiscono Fabbri e Tait, davanti a tutti Turchetta e De Cenco. I migliori realizzatori degli altoatesini sono l'ex biancorosso De Cenco e Costantino (quattro gol a testa), ma per trovare un gol del primo dobbiamo tornare alla sfida col Pordenone l'1 dicembre, mentre per un gol del secondo alla partita prima (contro il Vicenza).

L'ultimo precedente al Brianteo è datato 31 gennaio 2015 e non è favorevole ai nostri colori, uno 0-1 targato Novothny contro un Monza travolto dal mercato invernale e dal fuggi fuggi generale scaturito dal disimpegno di Armstrong.

Visti i due punti di differenza l'occasione è più che ghiotta per compiere il sorpasso in classifica e tornare nelle zone valevoli per i playoff, inoltre chiudendo il girone di andata una vittoria potrebbe far passare in secondo piano tutti gli alti e i (molti) bassi di questa prima parte di stagione, con la consapevolezza che il girone di ritorno possa solo portare miglioramenti, a patto che il panettone non vada indigesto.

Dennis Galimberti