Verso la rivoluzione di gennaio - Tra arrivi e partenze: cosa succederà nel mercato di riparazione?

Il punto di Tommaso Morlini
22.11.2018 13:10 di Tommaso Morlini   Vedi letture
Verso la rivoluzione di gennaio - Tra arrivi e partenze: cosa succederà nel mercato di riparazione?

L’avvento della nuova proprietà, inutile negarlo, ha portato un vero e proprio uragano ad abbattersi sul Monzello. La gestione oculata, paziente e paternalistica di Nicola Colombo ha lasciato il passo alla voglia di vincere subito Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, i quali, forti di un ampissimo capitale, vogliono provare a salire immediatamente in Serie C.  Gli arrivi di IocolanoGuarna (con conseguente taglio di Liverani), Fossati (da ufficializzare) e Lora lasciano pochi dubbi sul fatto che a gennaio vedremo una vera e propria rivoluzione. 

Vediamo dunque, ruolo per ruolo, chi potrebbero essere i sommersi e i salvati della rosa biancorossa

DIFESA - Considerato che il neoportiere Guarna è stato voluto dalla nuova società al posto di Liverani, è lecito aspettarsi una sua conferma fra i pali, con gli under Sommariva e Cavaliere come rincalzi. In difesa, sugli esterni, saranno verosimilmente inseriti due giocatori, magari under, uno per fascia. Il primo indiziato per la partenza è il terzino destro Matteo Brero, mai visto in campo sino ad ora, mentre dovrebbe essere confermato Adorni. A sinistra si giocano un posto Origlio e Tentardini, con quest’ultimo, a nostro avviso, favorito e il primo magari girato in prestito In mezzo va verso la riconferma Negro (unico del reparto attuale che potrebbe mantenere i galloni da titolare), mentre si giocano uno slot Riva e Caverzasi anche se non è da escludere la permanenza di entrambi, con un solo innesto, probabilmente un centrale veloce, bravo a scappare, che consenta a Brocchi di alzare il baricentro della squadra.

CENTROCAMPO - La mediana è il ruolo apparso maggiormente in difficoltà e quello dove ci attendiamo più cambiamenti. Oltre a Fossati e Lora, già aggregati alla rosa, ci aspettiamo l’arrivo di una mezzala di categoria superiore, per completare il reparto. Sul fronte addii, ha un piede fuori dall’uscio Brignoli, anche lui, come Brero, mai sceso in campo. Verosimili le partenze anche di Giorno (Brocchi preferisce cambiare modulo piuttosto che affidarsi a lui e anche con Zaffa faticava parecchio), Barba (partito bene ma persosi in fretta anche a causa di alcuni problemi fisici) e Galli (inizio veramente poco convincente il suo). Discorso a parte per capitan Guidetti: il suo atteggiamento è sempre quello giusto ma la pessima partenza del nuovo Monza ha messo in risalto qualche limite anche per il capitano. Si salverà molto probabilmente anche Palesi, che ha dalla sua, oltre all’età anche la provenienza dal vivaio. Come per Guidetti, in questa rosa ci può stare. 

ATTACCO - Il reparto più rivoluzionato in estate è anche quello dove serviranno meno interventi. Non è in dubbio la conferma di D’Errico, vero fuoriclasse e trascinatore della rosa, così come quella di Iocolano (discorso analogo a quello di Guarna) come trequartista e seconda punta titolari.

Come riserve, si giocano due posti Reginaldo, Ceccarelli e Giudici, con quest’ultimo che potrebbe pagare più che altro per questioni tattiche, in quanto il mister vede poco le ali a tuttocampo, mentre Tomaselli potrebbe essere girato in prestito. Infine, l’argomento più delicato: il numero nove.

Per vincere serve un bomber che veda la porta con facilità e capace di mettere a segno almeno una ventina di gol, per questo è quasi certo l’arrivo di un centravanti. Chi ne farà le spese? Cori ha iniziato benino, per poi perdersi fra nervosismo, espulsioni e prestazioni fantasma. L’alfiere paga inoltre il cambio di allenatore e di idee tattiche, in quanto, nel sistema Brocchi è preferibile una punta “alla Icardi”, un rapace d’area, piuttosto che un centravanti-boa. Jefferson in teoria è più forte, la pratica dice però che in campo lo si è visto pochissimo, tormentato da continui infortuni. Se di qui a gennaio dovesse trovare un po’ di continuità potrebbe salvare il posto, altrimenti saluterà.

LEGGI ANCHE - Ecco tutti i nomi accostati per il Monza in avanti