giovedì, Gennaio 27, 2022
HomeAltri sportBasket: la Forti c€™è e da scacco a Marostica

Basket: la Forti c€™è e da scacco a Marostica

Ecco allora che al PalaIPQ va in scena una partita vera costantemente giocata sul filo dell’equilibrio e risolta solamente negli ultimi 120 secondi. L’inizio è teso e per più di due minuti nessuna delle due squadre riesce a scuotere la retina. Il canestro di Infanti è allora un guanto di sfida raccolto dal Capitano bianconero che impatta con un gancetto, dà  il là  alla penetrazione di Malerba (nella foto), e firma personalmente il 6 a 2 di inizio match. Marostica sembra fare fatica in impostazione ma colpisce dalla distanza con Crosato e con Campiello ottiene il sorpasso. A riportare avanti Monza a cavallo della metà  del tempo ci pensano le guardie. Cinque punti di Munini e quattro di Steve valgono il +6, un buon margine, che sale ancora quando si sblocca anche Molteni e Meroni, da poco entrato, recupera un buon pallone e scarica dai 6 e 25. Otto punti a un minuto dalla fine che si riducono però alla metà  in virtù di una doppia tripla di Crosato e Seganfreddo. 22 a 18 e tutto da rifare. Entrambe le squadre sono contratte e quello che ne esce non è certo un match per palati fini. Marostica difende chiudendo ogni varco nel pitturato e costringe la Forti a girare al largo. I bianconeri subiscono poco ma non si dimostrano incisivi come al solito. Max Guerrato litiga coi liberi e il secondo quarto pare la fotocopia del primo. Per rompere il ghiaccio ci vuole infatti un libero del Molte dopo più di due minuti. Un Meroni in gran spolvero dilata il vantaggio a +7 ma ancora una volta il vantaggio non regge. Seganfreddo e Infanti piazzano un 9 a 0 che riapre i giochi e riporta avanti la Zepa 27 a 25. Per reagire ci vuole allora un grande Molteni che oltre a recuperare rimbalzi in quantità  industriale e occuparsi di controllare e limitare Crosato, trova anche il tempo di strappare due canestri di forza che permettono a Monza di imporre la leadership. Ma solo un canestro di Mercante e la solita tripla di Steve consentono alla Forti di andare al riposo lungo mantenendo invariato il +4 di fine primo quarto. E la frazione che attende i tifosi accorsi al PalaIPQ al rientro dagli spogliatoi è lo specchio fedele della partita. Il 10 a 6 complessivo del terzo quarto si commenta da solo e spiega in parte le difficoltà  delle due formazioni e la loro paura di compromettere il match prima del tempo. La Forti riesce in un paio di occasioni ad allungare con Munini e con una tripla di un Fanta che fatica più del previsto (più attento a difendersi dalle mani di Crosato e di Framba che a pensare al canestro), arrivando anche a +9 dopo tre minuti di gioco. Coach Rugo chiama time out e ferma l’emorragia dei suoi ma al posto di una reazione per tre minuti filati non succede più niente su entrambi i fronti e gli unici punti che muovono a fatica il tabellone arrivano solo sui liberi e fissano il punteggio su un emblematico quanto arido 44 a 36 a dieci dalla fine. Benassi e Meroni svegliano allora i presenti con due triple incrociate facendo intendere che quelli che restano saranno minuti di partita vera. Guerrato si inventa un gioco da tre preziosissimo ma quando sembra che Monza abbia ormai piegato le velleità  degli avversari Marostica riesce nell’impresa di riaprire per l’ennesima volta i conti. Seganfreddo, Framba e Benassi ricuciono fino al 50 a 48, D’affuso lima lo score dalla lunetta e Crosato trova addirittura la tripla del 53 a 52. La Zepa trova un parziale di 13 a 2 nel momento chiave e sul PalaIPQ scende il silenzio. A 180 secondi dalla sirena Coach Bertari chiama il time out e riorganizza lo scacchiere. Alla ripresa del gioco la voglia di vincere della Forti è tutta negli occhi di Clod e da qui alla fine inizia un sottile gioco di nervi. Mercante firma il 54-53 Forti, D’affuso risponde con il controsorpasso. A dare la scossa giusta è allora proprio Munini che trova la bomba giusta al momento giusto e consente poi al Capitano di concretizzare una giocata che vale un +4 del valore dell’oro. Il contro-timeout Zepa non serve a nulla, vanificato dalla seconda tripla di “Manomorbida” Steve. Il cronometro a questo punto diviene amico dei bianconeri e quando il Fanta viene chiamato in lunetta è per mettere fine a un grande spavento. La Forti mette tra sè e Marostica sette importantissimi punti e può festeggiare la vittoria con un contropiede finale culminato dalla schiacciata liberatoria di Marco Molteni per il definitivo 66 a 57. E se il bel gioco è rimasto a casa, i due punti quelli proprio no. Di questi tempi, va bene così.

Così Coach Bertari a fine match: “È stata una partita difficile. Sono due settimane che non riusciamo ad allenarci in maniera decente per cui non riusciamo avere 35 minuti di lavoro decente per poter riuscire a pensare di portare a casa una partita come quella di oggi in maniera tranquilla. Abbiamo preso 57 punti e questa è una cosa positiva ma avremmo dovuto fare qualcosa di meglio. Certo i due punti sono importanti soprattutto perchè è tutta la settimana che temevo il match contro Marostica e il fatto di averlo vinto è sicuramente una buona cosa. Questa sera abbiamo fatto 12 assist che sono la misura di una squadra che gioca insieme. Noi dobbiamo eseguire i giochi velocemente e muovere tanto la palla. Se facciamo tutte queste cose riusciamo a trovare buoni tiri. Oggi ha fatto una partita super Marco Molteni, nonostante i 9 punti che sono sotto la sua media, ha preso 14 rimbalzi ma soprattutto è stato difensivamente importantissimo su Crosato che è un giocatore atipico e difficile da contenere. Chiudo con una cosa che ci tengo a dire: siamo secondi in classifica eppure dalle persone che vedo in palestra durante le partite pare che siamo ultimi. Mi piacerebbe vedere il PalaIPQ più pieno di persone, penso che i ragazzi se lo meritino”.

Forti e Liberi Monza – Zepa Marostica 66-57 (22-18 / 34-30 / 44-36 / 66-57)

Forti e Liberi Monza: Molteni 9, Mercante 4, Fumagalli 2, Pedalà , Fantaccini 12, Guerrato 4, Munini 15, Malerba 12, Meroni 8, Cappanera N.e. All: Bertari

Tiri da 2: 17/28

Tiri da 3: 8/27

Liberi: 8/15

Zepa Marostica: Benassi 14, Montanari, Tonzig, Seganfreddo 10, Crosato 9, D’affuso 6, Infanti 7, Campiello 9, Framba 2, Bordignon N.e. All: Rugo

Tiri da 2: 13/34

Tiri da 3: 8/26

Liberi: 7/11

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=calciomercato
CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO