martedì, Luglio 5, 2022
HomeAC MonzaBebe, consigli al Monza: "I play off non si decidono all'andata. Domenica...

Bebe, consigli al Monza: “I play off non si decidono all’andata. Domenica voglio risentire la passione del Brianteo!”

Da Carrara a Espinal, da Menassi a Fabiano fino a Giuliano Sonzogni. Guai a dimenticare l’ultimo pezzo di Monza vincente che ci ha fatto vivere delle grandi emozioni. Come dimenticare ad esempio i gol di Alberto Bertolini nella semifinale play off disputata contro il Pavia? Veramente impossibile.

"Bebe", che ha lasciato il calcio dopo l’ultima stagione al Sondrio ha ricordato per noi quelle emozioni, dando anche qualche consiglio alla squadra di Asta che inizierà i play off domenica contro il Bassano.

– Bebe, che ricordi hai dei play off?

"Disputare i play off è sempre una grande soddisfazione. Significa aver fatto una grande stagione, significa lottare per cambiare una categoria e quindi confrontarsi con squadre di livello più alto, significa cercare di far gioire un’intera città e di dare risalto alla tua società. Ho avuto la fortuna di disputarli 5 volte, con un saldo di 2 vinti (a Lecco, finale vinta proprio al Brianteo contro la Pro Sesto, e a Crotone) e 3 persi (Reggiana e ahimè le due annate a Monza). Ma è proprio con il Monza che ho i ricordi più belli dal punto di vista personale nei play-off, nonostante non sia arrivata la vittoria finale: rimarrà indelebile nei miei ricordi la doppia sfida di Pavia. All’andata realizzai un emozionantissimo gol del pareggio a pochi minuti dalla fine sotto una curva stracolma di tifosi biancorossi e al ritorno feci una doppietta in 10′ (sempre sotto la Pieri) che chiuse definitivamente la sfida. Purtroppo non bastò, e tutti sanno come andò a finire la duplice finale con il Genoa….".

– Cosa non deve fare il Monza per evitare di ripetere errori del passato?

"I play-off sono partite molto particolari. Non si deve commettere l’errore di voler chiudere la pratica a tutti i costi all’andata perché è sufficiente sfruttare un episodio favorevole nell’arco dei 180 minuti per passare il turno. Ma una ricetta vera e propria non c’è: suggerisco solo di seguire al meglio tutte le indicazioni di mister Asta, che quest’anno ha sempre dimostrato di sapere come vincere".

– Com’è andata la tua stagione?

"Ho appena concluso la stagione a Sondrio in Eccellenza. Abbiamo mancato i play-off per un soffio e la mia stagione è stata particolarmente difficile a causa di un infortunio a gennaio. Ragione per cui ho maturato, a malincuore, la decisione di smettere definitivamente con il calcio giocato".

– Ti sarebbe piaciuto giocare in un Monza così forte?

"Giocare in squadre molto forti è sempre piacevole e divertente. A differenza del "mio" Monza quello attuale dispone di un’individualità di livello assoluto come Gasbarroni, che in qualsiasi momento può spostare l’equilibrio della partita con una giocata".

– Ci sarai domenica al Brianteo?

"Domenica prossima sarò presente. Voglio davvero rivivere l’entusiasmo coinvolgente dei tifosi biancorossi! Un grossissimo in bocca al lupo!"

Stefano Peduzzi

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO