Home AC Monza Coronavirus, i medici dell'AlbinoLeffe fanno il punto sulla pandemia: 'Protocollo migliorabile, in...

Coronavirus, i medici dell’AlbinoLeffe fanno il punto sulla pandemia: ‘Protocollo migliorabile, in C inapplicabile economicamente’

Importanti dichiarazioni dei medici dell’Albinoleffe che, tramite i canali ufficiali del sodalizio seriano, hanno parlato del decorso della pandemia Covid-19.

Riportiamo le parole dei dottori blucelesti Ivano Riva (rianimatore all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo) e Giacomo Poggioli, responsabile sanitario da sempre del club:

Riva: “La situazione locale della bergamasca è sicuramente migliorata rispetto a quella drammatica dei mesi di marzo e aprileOra negli ospedali e nelle terapie intensive è gestibile anche se abbiamo ovviamente ancora ricoverati diversi pazienti Covid positivi. Le misure di lockdown, il distanziamento sociale e l’utilizzo estensivo delle mascherine ha fatto sì che la situazione migliorasse, riducendo il numero dei contagi e rendendo i contagiati meno gravi rispetto alla fase acuta della pandemia. La stagione calda di sicuro aiuta ulteriormente per il contenimento dell’infezione. Ovviamente la situazione va monitorata strettamente nelle prossime settimane e bisogna mantenere le misure di distanziamento in vigore”.

“Abbiamo avuto notizia dell’infezione da coronavirus durante la trasferta di Siena. Nella settimana successiva abbiamo sospeso subito l’attività di gruppo e i ragazzi per tutto il periodo della pandemia hanno provveduto al mantenimento della condizione fisico-atletica dal proprio domicilio grazie al coordinamento da parte dello staff tecnico in videoconference. Questo ha permesso di salvaguardare lo stato di preparazione fisica anche in assenza di attività di gruppo. Dal punto di vista sanitario abbiamo contattato periodicamente il gruppo per accertarci del loro stato di salute. Fortunatamente nessuno di loro ha avuto problemi e tutti stanno bene. Ovviamente già dalla fine di febbraio è stata sospesa anche l’attività del Settore Giovanile a tutela dei ragazzi e delle famiglie”.

“Il Protocollo Sanitario ha sicuramente dei punti migliorabiliBisogna chiaramente ricordare che, se si vuole una ripresa dell’attività sportiva, tutti devono mettere in conto un rischio più che teorico di possibili contagi. Non esiste al momento il rischio zero per queste attività di contatto. Per questo va valutata attentamente la decisione di ripartire con allenamenti e gare ufficiali”.

“Il ruolo del medico sociale deve essere sempre più riconosciuto per la sua centralità come figura di garanzia della salute di tutto il contesto squadra, intesa come atleti, ma anche come staffIl medico sociale è fondamentale per uno sport sicuro e per garantire il massimo della salute a tutti coloro che gli sono affidati. È una figura che merita ulteriore e maggiore riconoscimento da parte degli organi federali e da tutto il mondo sportivo. Condivide con gli atleti tutta la stagione, fin dal ritiro estivo, e li conosce nei minimi particolari, potendo garantire loro un’assistenza adeguata. In questo periodo di pandemia, soprattutto nelle zone più colpite, assume una funzione ancora più fondamentale per garantire la salute dei tesserati”.

Dobbiamo avere ancora accortezza e prudenza anche nei prossimi mesi, per evitare che possa tornare una situazione di emergenza come quella di marzo. Quindi anche durante l’attività sportiva, che sia professionistica o amatoriale, soprattutto se di gruppo, vanno rispettate rigorosamente le misure di distanziamento e di sicurezza previste dagli organi preposti. Non possiamo abbassare la guardia, dobbiamo ancora lottare per debellare questo pericolo”.

Aggiunge poi Giacomo Poggioli: “Mi attengo alle dichiarazioni del Prof. Remuzzi, noto scienziato di Bergamo, attuale presidente dell’Istituto Mario Negri ed ex primario dell’Ospedale di Bergamo, che dice che la situazione attuale è senz’altro migliorata rispetto ai mesi scorsi. I casi gravi da Covid-19 sono rari, forse per una attenuazione della carica virale, ma le previsioni per il futuro al momento sono difficili da interpretare”.

Il Protocollo è un punto molto critico. Se per la Serie A e per qualche società di Serie B è comunque di difficile applicazione e non garantisce in assoluto la copertura del contagio perché in ogni caso il calcio è uno sport di squadra e quindi il contatto è inevitabile, in Serie C è inapplicabile per ragioni organizzative ed economiche. Stiamo parlando di effettuare tamponi ogni 4 giorni e test seriologici ogni due settimane. Ci sono poi tanti altri aspetti non di secondaria importanza che meriterebbero di essere menzionati, tra cui la difficoltà per tante squadre di reperire tamponi e laboratori per farli processare e la gestione di un eventuale caso positivo, senza dimenticare il ruolo del medico: la sua responsabilità è penale in caso di contagio. L’apporto del 99% dei medici della Serie C è “part-time” poiché sono, se vogliono vivere, impegnati a tempo pieno con ospedali e cliniche. Questo aspetto andrebbe rivisto, anche considerando la possibilità di un membro del gruppo squadra di potersi infettare anche al di fuori dell’ambito degli allenamenti: il medico non può giocarsi in questo modo la sua professionalità”.

Rimando nuovamente ai suggerimenti del Prof. RemuzziÈ giusto riprendere per gradi una vita normale, perché dopo essere stati rinchiusi in casa per due mesi, oltre alle patologie connesse al virus si rischia di sovrapporre anche patologie psicologiche-mentali o psichiatriche anche peggiori di quelle fisiche. Tutto dipende da noi, osservando i criteri di prevenzione, perché gradualmente si possa rientrare nella normalità. Di questo virus purtroppo si conoscono ancora troppi pochi aspetti per cui ciò che ci riserva il futuro è ancora tutto da decifrare”.

fonte: albinoleffe.com


CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Sandro Coppola
Sandro Coppola
Sandro Coppola. Collaboro dal maggio 2014 per la testata Monza-News.it, arrivando a produrre più di 1000 articoli nel complesso. Sono attivo inoltre, a partire da fine 2018, per Football Wikiscout, una pagina calcistica presente su Facebook, Twitter ed Instagram di analisi, statistiche ed approfondimenti sul mondo del calcio. Alcuni dei miei pezzi vengono poi utilizzati dal sito Football Scouting.it. Dal 2012 mi diletto inoltre come dirigente o collaboratore esterno per società calcistiche dilettantistiche del lecchese e monzese. Seguo il Monza da 22 anni ma amo il mondo pallonaro in generale dall'infanzia e sono affascinato dalla cultura calcistica olandese. Appassionato anche di tennis, hockey roller e volley, non disdegnando il basket europeo e Nba.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI

Compleanni biancorossi – Auguri ad un dirigente del Monza!

Di chi è il compleanno oggi? Monza-News, ogni giorno, vi ricorderà i compleanni più importanti di giocatori, dirigenti ed ex legati al Monza e al...

Monza ha portato bene ad Andrea Pirlo: l’ex centrocampista chiamato dalla Juventus per sostituire Maurizio Sarri

La visita a Monza ha portato bene ad Andrea Pirlo: l'ex centrocampista, avvistato a Monzello nei giorni scorsi in compagnia di Cristian...

Quasi 12mila spettatori per lo sbarco di Maric a Linate. Il video di Monza-News nei Tg della Croazia (GUARDA)

Inizio col botto per Mirko Maric. L'arrivo del capocannoniere del campionato croato è stato visto ieri su Monza-News da quasi 12mila persone...

Semifinale playoff serie B: stasera l’andata di Chievo-Spezia

Si giocherà questa sera a Verona la semifinale di andata dei playoff di serie B tra Chievo e Spezia. Il ritorno è...

Monza, il primo giallo della stagione (con multa) per il giovane Luca Lombardi

Contro la Juventus U19 è arrivata la prima ammonizione della stagione per un giocatore del Monza. Il primo 'giallo' è stato alzato...