martedì, Luglio 5, 2022
HomeAC MonzaDilemma portieri: Marcandalli non convince, Castelli scalpita!

Dilemma portieri: Marcandalli non convince, Castelli scalpita!

"Com’è possibile tenere fuori un portiere come Castelli?" ci hanno chiesto i colleghi di Reggio domenica scorsa al Giglio. L’ex estremo difensore del Como aveva infatti militato in passato proprio nella squadra emiliana. Lo conoscono bene in Emilia. Castelli ha esperienza, è bravo e non è venuto a Monza per fare panchina.

Classe 1980, nato a Cittiglio in provincia di Varese, Castelli ha esordito giovanissimo in C2, alla Pro Sesto, nel ’98/’99. Al Cagliari in B, poi tante stagioni in C a Varese, Reggiana, Prato, Spezia, Vittoria, Lecco, Pro Patria e Lucchese. A 28 anni torna in B al Modena, dove colleziona 18 presenze, fino alla chiamata del Crotone, dove s’infortuna a uno zigomo, un incidente che lo ha spinto in panchina per tutta la stagione. Infine l’esperienza a Como la scorsa stagione dove ha ottenuto la salvezza. Ha il curriculum giusto per una squadra che deve salvarsi.

E il giovane Marcandalli? A noi continua a non convincere. Non che abbia avuto particolari colpe sui quattro gol subìti con Sorrento e Reggiana, ma l’impressione è che non sia ancora padrone della situazione. Ci risponderanno che è un giovane di buone prospettive e i giovani vanno fatti crescere con calma, soprattutto in un contesto come quello biancorosso dove si preferisce lanciare un giovane dal possibile avvenire piuttosto che un 31enne che avrà poco mercato. Il ruolo del portiere però è troppo delicato per poter perdere tempo e punti. Una considerazione che a Monzello non dev’essere sottovalutata.

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO