venerdì, Luglio 1, 2022
HomeAC MonzaGasba: "Il gol? Forse il piu' brutto dell'anno, pero'... I tifosi mi...

Gasba: “Il gol? Forse il piu’ brutto dell’anno, pero’… I tifosi mi danno gioia ed emozioni”

Vi proponiamo le dichiarazioni dell’autore del gol-partita Andrea Gasbarroni, al termine della semifinale di andata dei play-off contro il Bassano.

– Andrea, ci voleva la magia di un singolo ed è arrivata la tua. E’ stata una partita complicata?

"Sì, è stata una partita non facile. Soprattutto il primo tempo: loro si chiudevano bene, avevo sempre la marcatura fissa e poi mi raddoppiavano. Non riuscivo a trovare spazio. Poi loro sono molto bravi a palleggiare: sono una squadra importante. Però nella ripresa siamo riusciti a ripartire, a dare qualche fiammata delle nostre ed è arrivato il gol. Forse il più brutto dell’anno, però…".

– Hai preso in controtempo il portiere.

"Non è stato un bellissimo gol, ma è stato pesante ed importante in quanto ci permette di andare a Bassano avendo due risultati utili su tre. La vera battaglia sarà lì, visto che entrambi ci giocheremo il passaggio del turno. Sarà tosta perché loro sono un’ottima squadra".

– Il Monza non è una squadra capace di gestire, ma deve fare la partita.

"E’ vero. Penso che sia il nostro dna. Non andremo lì tutti arroccati, ma a giocarcela come oggi. Vedremo quello che verrà fuori. Intanto sono molto contento per la vittoria di oggi, anche se non è definitiva".

– Il fatto che senza la penalizzazione il Monza sarebbe già stato promosso è un incentivo, come dicono i tifosi: "Andiamo a prenderci quello che ci spetta"?

"E’ un dato di fatto che noi abbiamo vinto il campionato sul campo, quindi c’è una rabbia ancora maggiore per questo, visto che saremmo dovuti essere già promossi sul campo. Cosa che non è avvenuta. Io personalmente non ci penso, altrimenti… (qualcuno dice "mi incazzo" e Gasba annuisce, ndr). Penso partita dopo partita. Comunque non è scontato che siccome abbiamo vinto sul campo, ora vinceremo. Magari qualcuno lo può pensare, invece è ancora più difficile. Dobbiamo continuare a pensare partita dopo partita".

– E’ la prima volta che giochi contro il Bassano, visto che all’andata non c’eri e al ritorno eri squalificato. E come hai trovato il fatto che ti raddoppiano, se non triplicano, sempre?

"Sì, è la mia prima partita contro il Bassano. E non è facile vivere così: ve lo garantisco (ride, ndr). Nelle categorie maggiori – soprattutto in Serie A! – fai l’uno contro uno e nessuno ti raddoppia, anche se la qualità è maggiore. Per assurdo è più facile. A volte trovo più difficoltà qui che quanta ne trovavo là. Anche se so che sono due cose diverse".

– Quando stai in una posizione più esterna, ti viene più facile mettere in difficoltà gli avversari. Nel primo tempo, invece, sembrava tu facessi più fatica o dipende anche dal fatto che ne avevi addosso molti?

"Dipende da come ricevi la palla. Non è un discorso di modulo. Se ricevi la palla e riesci a guardare avanti è tutto più semplice. Se ti trovi spalle alla porta diventa più difficile".

– Fisicamente stai bene?

"Sì, nel primo tempo semplicemente non trovavo spazi e non riuscivo a venire fuori. Comunque ho finito stanchissimo".

– Hai guardato in tribuna dopo il gol: hai fatto una dedica speciale?

"C’era mia figlia, ma non capisce molto: ha solo 21 mesi. La cercavo. Era insieme alla mia compagna".

– Il mister del Bassano si è pacatamente lamentato di un calcio di rigore netto.

"Non so. E’ difficile giudicare, visto che ero distante. A me sembrava che la palla fosse alta ed irraggiungibile per entrambi. Secondo me ha visto bene l’arbitro".

– Hai costruito un bel feeling coi tifosi.

"Io ho un bellissimo rapporto coi tifosi del Monza: mi hanno dimostrato affetto e io posso esserne solo contento. Mi fa piacere: loro mi danno emozioni e gioie e io cerco di restituirle loro in campo. Si è creato un feeling bellissimo e reciproco".

– Siete anche riusciti a moltiplicare il numero dei tifosi.

"Ricordo che nella prima partita c’era qualche centinaio di persone. Vedere oggi la curva e la tribuna così numerose è stato veramente bello. Ma so che si può fare ancora di più. Vedere tanta gente significa anche che stai andando bene. Mi aspetto un bel tifo a Bassano, visto che è la nostra arma in più".

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO