sabato, Luglio 2, 2022
HomeAC MonzaIl punto: troppa sofferenza dietro e ancora grandi paure sui calci piazzati....

Il punto: troppa sofferenza dietro e ancora grandi paure sui calci piazzati. Latita il gioco offensivo

Gianfranco Motta è chiamato ai lavori straordinari. Perchè il Monza delle ultime due uscite non ha convinto per niente. Passato per due volte in vantaggio con Tritium (fortunosamente) e con il Viareggio, la squadra non è riuscita a difendere il risultato. Anzi, sono stati gli avversari, dopo aver tenuto il pareggio, a sfiorare la vittoria. Ci è voluto un Castelli in vena di miracoli a salvare la baracca, ma lui da solo non può bastare.

Nonostante il passaggio alla difesa a cinque, ci hanno raccontato i nostri "segugi" di Viareggio, la squadra ha ugualmente sofferto decisamente qualcosa di troppo. Non ha funzionato a dovere il dispositivo di filtro davanti alla difesa, tanto che Fiuzzi, Cusaro e Cattaneo hanno faticato molto a tenere a bada gli attaccanti toscani. Buono, invece, il lavoro dei centrocampisti, dove Romano si conferma uno dei migliori acquisti della sessione estiva e Iacopino è parso essere a suo agio in un centrocampo a tre. Bene, in avanti, il solito Colacone che sta portando da solo la croce dell’attacco biancorosso.

Reparto dove invece è sempre piu’ evidente la crisi di bomber Ferrario: lo scorso anno capace di sfondare qualsiasi rete avversaria, quest’anno invece abulico, spaesato e poco propenso anche anche al lavoro di sponda che sarebbe utile per il gioco della squadra. Capiamo che le sirene dei club di serie B ed esteri lo abbiano evidentemente destabilizzato, ma ora è il caso di tornare ad essere un attaccante che può e deve fare la differenza.

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO