martedì, Maggio 24, 2022
HomeAC MonzaLa presentazione dell'avversario: il Brescia deve rialzare la testa dopo due sconfitte...

La presentazione dell’avversario: il Brescia deve rialzare la testa dopo due sconfitte e le cessioni dei big

Dopo il deludente pari interno contro il Cosenza che ha rimontato dal 2-0 al 2-2, il Monza torna a giocare e lo fa sul campo del Brescia. Un vero e proprio derby lombardo quello che andrà in scena al “Rigamonti”. Il Monza dovrà ancora fare a meno di Mario Balotelli, che sarebbe stato il grande ex della partita, mentre mancheranno, oltre a Paletta e Pirola, i due nuovi acquisti Ricci e Scozzarella. Partita fondamentale per il proseguo della stagione perché serve una risposta dopo il brutto pari interno ottenuto settimana scorsa contro il Cosenza ma soprattutto perché, visti i risultati delle altre squadre in questo turno, il secondo posto in caso di vittoria sarebbe davvero vicinissimo. Ora però è tempo di andare a scoprire qualcosa in più sul prossimo avversario dei biancorossi.

Il Brescia nasce nel 1911 diventando il primo club calcistico della cittadina lombarda. I biancoblu detengono due interessanti record come le partecipazioni totali e quelle consecutive al campionato di Serie B. Nella sua storia la società lombarda ha vinto 3 volte il campionato cadetto e 2 volte quello di Serie C. Nella bacheca dei trofei troviamo anche la Coppa Anglo-Italiana conquistata dopo aver battuto in finale, a Wembley, il Notts County grazie ad un gol di Ambrosetti. Quando si pensa alla storia del Brescia, non può non venire in mente il periodo in cui ha vestito la maglia biancoblu il grandissimo Roberto Baggio. Il “Divin Codino“, dopo aver conquistato l’ambitissimo Pallone D’Oro nel 1993, è arrivato a Brescia nel 2000. L’arrivo di Baggio non a caso coincide con il miglior risultato nella storia del Brescia nel campionato di Serie A con l’ottavo posto conquistato nella stagione, appunto, 2000/2001. Questo piazzamento è valso la qualificazione alla successiva Coppa Intertoto dove il Brescia perse solamente in finale contro il Paris Saint Germain. Con la maglia delle “Rondinelle” hanno giocato anche altri grandissimi protagonisti della storia di questo sport come ad esempio Pep Guardiola, Gheorghe Hagi, Andrea Pirlo, Alessandro Altobelli e Luca Toni. Una società che vanta una grandissima tradizione e che ha vissuto spesso tra Serie A e Serie B portando alle luci della ribalta moltissimi talenti.

Il Brescia di oggi non vive un grande momento. Nelle ultime due partite di campionato sono arrivate due sconfitte contro Vicenza e Pisa che hanno fatto scendere i biancoblu in tredicesima posizione. Le cessioni di Sabelli e Torregrossa, due elementi fondamentali fino a qui, non hanno fatto altro che alimentare i dubbi sul fatto che questa squadra possa, alla fine della stagione, raggiungere almeno i piazzamenti che varrebbero l’accesso ai playoff promozione. Nonostante tutto, però, questa squadra vanta tanti elementi di valore che per svariati motivi fino ad ora non sono riusciti a rendere al 100%. Non si possono non citare giocatori come Dessena e Bisoli che sono il vero motore della squadra a centrocampo ma anche i leader in campo e fuori. Insieme a loro il giovane Tom van de Looi, arrivato dal Groningen, sta trovando molto spazio in questa stagione insieme a Filip Jagiello che è in prestito dal Genoa. Il centrocampo è sicuramente uno dei punti di forza della squadra allenata da Dionigi mentre in attacco la cessione di un giocatore come Torregrossa ha indebolito sicuramente il reparto. In questo periodo sarà dunque fondamentale l’apporto del trentenne Alfredo Donnarumma che ha tutte le carte in regola per potersi caricare la squadra sulle spalle. I numeri, però, non sono dalla parte sia dell’attaccante italiano che del suo compagno di reparto Florian Ayé visto che insieme hanno segnato solamente 4 gol, 2 a testa. Anche sulle fasce il Brescia ha uomini in grado di fare la differenza in Serie B come Martella e Ragusa, da loro ci si aspetta molto soprattutto perché le loro sgroppate potrebbero portare palloni interessanti alle punte. Il Brescia è chiamato a rispondere alle ultime 2 sconfitte che hanno fatto scendere il morale dell’intero ambiente dopo la grande vittoria ottenuta contro la SPAL, e siamo sicuri che Dionigi e i suoi ragazzi faranno una grande partita soprattutto dal punto di vista agonistico contro il Monza.

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=calciomercato
CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Massimiliano Perego
Massimiliano Perego nasce a Lecco il 25 febbraio del 1990. Il calcio è la sua più grande passione, seguito a ruota dalla Formula 1 e dal basket. Prima di iniziare la sua avventura a Monza News nel Novembre del 2019, ha scritto più di 500 articoli su Footbola occupandosi prevalentemente di calcio spagnolo.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO