Home AC Monza L'analisi - Il Monza mantiene l'imbattibilità esterna nonostante la reazione senese in...

L’analisi – Il Monza mantiene l’imbattibilità esterna nonostante la reazione senese in un primo tempo scoppiettante

Un pareggio utile quello scaturito contro il Siena di mister Dal Canto e degli ex Guidone e D’Ambrosio. Vantaggio sull’inseguitrice seconda (ora il Renate) invariato, sono sempre i 17 punti in più ed imbattibilità esterna mantenuta; brianzoli al secondo rigore ottenuto, sempre in trasferta dopo Novara. I Biancorossi hanno messo a segno 51 reti subendone 15 (migliore difesa ed attacco del girone) in questi 25 incontri, diciannovesimo risultato utile consecutivo (un intero girone). Monzesi che si confermano la compagine che ha totalizzato più punti nei tre raggruppamenti, 21 le partite sbloccate, il Siena era l’unica squadra a cui non si era ancora segnato in Campionato, quarto pareggio col risultato di 2-2 su un totale di sei.

Un match vibrante nel primo tempo, quello al vecchio “Rastrello”, con i biancorossi che partono piuttosto bene e trovano immediatamente il vantaggio in apertura su rigore. Monzesi col classico modulo, Rigoni in cabina di regìa mentre Iocolano a supportare tra le linee Gliozzi e Mota; senesi implementati con un 3-5-2 aggressivo e dinamico, con Cesarini in avanti a tentare di non offrire riferimenti. Lo starting promettente brianzolo non collima poi col prosieguo, la reazione senese è veemente; se è vero che D’Errico e compagni vanno sopra di due con cinismo, bisogna ammettere che già dopo una manciata di minuti dal primo svantaggio la Robur è autrice di una prova gagliarda, caratterizzata da aggressività, gamba ed inserimenti soprattutto per vie centrali, imbastendo una reazione in primis col centravanti Guidone. Quello che manca nei primi 45 è la fase difensiva ai Bianconeri, con le due reti monzesi frutto di errori individuali avversari e notevoli spazi concessi; il 1912, per brevi frangenti in pieno controllo dell’iniziativa, stavolta però non è da meno a livello di copertura e si fa riprendere nell’ultimo quarto d’ora (momento di vero annaspamento brianzolo nei 90 minuti) con una rete subìta in contropiede e l’altra derivante da un calcio da fermo su cui la retroguardia piazzata, irresoluta, difetta di attenzione. Intensità complessiva della frazione buona da ambo gli eleven, i Bagaj però col passare dei minuti han perso un po’ le distanze e sofferto il pressing senese, le seconde palle, oltre al dinamismo di casa con gli inserimenti soventi degli incursori Gerli e Bovo e gli sganciamenti a turno degli esterni Oukhadda e Migliorelli. Il vero trascinatore di casa è indubbiamente l’ex cesenate Arrigoni a schermare in mezzo (Mvp del match) che, al di là del gol, svolge in modo egregio il lavoro di taglia e cuci, trasformando efficacemente la manovra da difensiva ad offensiva.

Una fase di gioco

La ripresa assume una fisionomia più prudente con le due squadre che appaiono “sobrie”, maggiormente attente all’ordine tattico e alla gestione della transizione negativa. Le occasioni scarseggiano, il gioco si concentra principalmente sulla mediana col Monza che ha una leggera supremazia nella gestione palla; il ritmo generale non è il medesimo della prima parte, è anzi molto spezzettato, compassato, con i i padroni di casa meno propensi ad imbastire improvvisi strappi e fiammate in ripartenza. Brocchi prova a cambiare fisionomia e caratteristiche individuali dalla cintola in su, facendo esordire in trequarti anche Machin autore di una pregevole giocata nello stretto e conclusione a giro, di fatto unica chance reale dei secondi 45. Per il resto l’imprinting rimane fin troppo lineare, i 22 si accontentano della divisione della posta senza tentare granchè di farsi male.

Per rivedere le azioni salienti: (clicca qui)

Un pari giusto e non affatto ridimensionante per entrambi i sodalizi. Per il Monza l’amaro in bocca di non essere riuscito a gestire un doppio vantaggio, ma il tempo a disposizione del Siena era ancora molto e, come scritto in precedenza, D’Ambrosio e compagni non meritavano sinceramente un doppio svantaggio. Il 1912 si è probabilmente inconsciamente seduto, convinto che la strada fosse ormai spianata; la Robur è stata brava per contro a reagire e rimanere nelle ostilità dopo essersi complicata la vita, pressando alto con aggressività e lottando su ogni pallone, con brianzoli negli ultimi 15 minuti di primo tempo apparsi piuttosto frastornati, frivoli ed indulgenti, e con alcune sbavature a livello di attenzione da annotare sul taccuino. La fase difensiva ad onor del vero, oltre ai due gol evitabili, ha sofferto il giusto con Lamanna che di fatto non ha dovuto fare interventi di rilevanza. La mediana ha farneticato abbastanza in ambo le fasi, il filtro non è apparso del tutto esemplare sugli inserimenti dei dirimpettai, con gli interpreti non sempre lucidi, talvolta appannati, di tanto in tanto in ritardo sulla sfera e non sempre compatti tra di loro; la costruzione efficace solamente in alcuni frangenti e linee di passaggio sovente orizzontali. Il reparto offensivo ha impattato bene sul match (partecipando attivamente alle due reti), in primis con Mota a palesare qualità superiore, rapidità ed ampiezza; successivamente però il trio è calato, perdendo pericolosità e misure ma anche i subentrati non hanno inciso particolarmente sulle sorti di gara. Ora si prospetta un doppio turno casalingo, il Monza può già mettere una serie ipoteca con sei punti; sarà importante mantenere una continuità mentale per tutti i 90 minuti (o quasi), non sedersi in caso di immediato vantaggio cospicuo come successo al “Franchi”. Il campionato sta entrando nel vivo, nel momento clou e tutte le compagini, oltre al prestigio di battere una corazzata, giocheranno col coltello fra i denti fino al 95′, visto che la posta in palio oramai diventa vitale in ambito di graduatoria per gli obiettivi di riferimento.

Sandro Coppola

Sandro Coppola
Sandro Coppola
Sandro Coppola (19/11/1983). Collaboro dal maggio 2014 per la testata Monza-News.it, arrivando a produrre più di 1000 articoli nel complesso. Sono attivo inoltre, a partire da fine 2018, per Football Wikiscout, una pagina calcistica presente su Facebook, Twitter ed Instagram di analisi, statistiche ed approfondimenti sul mondo del calcio. Alcuni dei miei pezzi vengono poi utilizzati dal sito Football Scouting.it. Dal 2012 mi diletto inoltre come dirigente o collaboratore esterno per società calcistiche dilettantistiche del lecchese e monzese. Seguo il Monza da 22 anni ma amo il mondo pallonaro in generale dall'infanzia e sono affascinato dalla cultura calcistica olandese. Appassionato anche di tennis, hockey roller e volley, non disdegnando il basket europeo e Nba.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI

Compleanni biancorossi – Auguri ad un trio di ex!

Di chi è il compleanno oggi? Monza-News, ogni giorno, vi ricorderà i compleanni più importanti di giocatori, dirigenti ed ex legati al Monza e al...

Report allenamento – Tre atleti rientrano in gruppo totalmente

Ottime notizie da Monzello dove, nel doppio allenamento odierno, l'AC Monza ha comunicato il rientro totale in gruppo di Bellusci, Palazzi e...

Un pomeriggio a Monzello: visioni e analisi della Berretti del Monza di Riccardo Monguzzi

Una domanda che può essere posta in qualsiasi momento e a cui vi sono diverse risposte plausibili. Ci sono squadre che fondano...

Coronavirus, Giuseppe Baretti (presidente CR Lombardia) a BlastingNews: ‘Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, vogliamo tornare in campo’

Il presidente del CR Lombardia Giuseppe Baretti è intervenuto a BlastingNews per parlare dell'emergenza Coronavirus: "Le squadre della Lombardia vogliono tornare in...

Paletta: ‘Prima della serie A dobbiamo pensare alla B’

Intervista speciale per Gabriel Paletta che ha risposto alle domande dei ragazzi della squadriglia Volpi del reparto Tellowstone del gruppo scout Seregno...