venerdì, Luglio 1, 2022
HomeAC MonzaMonza, a Busto impara dal Milazzo!

Monza, a Busto impara dal Milazzo!

Il traguardo è prossimo, distante un solo punto. A 180’ dalla fine della stagione ai tigrotti di mister Aldo Firicano basterà centrare un pareggio nelle prossime due gare per ottenere la promozione in quella Prima Divisione che a Busto Arsizio manca dalla stagione 2009/2010.

I numeri dei biancoblu tratteggiano le caratteristiche di una squadra che occupa meritatamente la prima posizione in classifica: maggior numero di successi (17, come il Savona), miglior attacco del torneo (61 centri, +5 sul Renate) e ben quattro attaccanti in doppia cifra.

Proprio l’attacco è il punto di forza dei bustocchi: il bomber Serafini (31 presenze e 17 reti), l’ex Lecce e Como Cozzolino (28 gettoni e 11 centri),il fantasista Giannone (30 partite e 11 gol) e il jolly Falomi (identico score) hanno “fatto male” anche nella gara di andata vinta al Brianteo per 5-2.

Quest’anno, senza la pesante penalizzazione in classifica (-11) che di fatto ha spezzato i sogni promozione dello scorso campionato, i biancoblu hanno trascorso l’intera stagione nelle posizioni di testa, ponendosi subito come il principale candidato alla promozione diretta nonostante un girone di ritorno in calando (23 punti contro i 36 – con due gare in più – conquistati all’andata).

Domenica, davanti al pubblico di casa, Cozzolino e compagni faranno di tutto per regalare un successo ai propri tifosi che suggelli la festa promozione.

E il Monza? I biancorossi devono provare a recitare la parte dei guastafeste: la classifica obbliga Grauso e compagni a strappare 3 punti allo Speroni per poter continuare a credere nel sogno play off. Incredibile l’imprevedibilità del calcio: sprecata una grossa occasione contro la cenerentola del torneo, i biancorossi dovranno fare risultato contro la prima della classe, in una sorta di contrappasso dantesco.

Asta arriva all’appuntamento più importante della stagione con una lunga lista di problemi: uomini contati, morale basso, stanchezza e appannamento di quei giocatori capaci di sfoderare la lunga striscia di risultati positivi del girone di ritorno.

Ricaricare le pile, ritrovare motivazione, brillantezza, grinta e determinazione: per centrare l’impresa ricordiamoci che la bellezza del calcio sta nella sua imprevedibilità e che nulla è scontato. Come ci ha ricordato il Milazzo pochi giorni fa…

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Luca Viscardi
Luca Viscardi
Luca Viscardi nasce a Milano il 25 agosto 1982. Per “colpa” di uno zio appassionato si innamora del Monza in occasione di un non certo memorabile pareggio tra i biancorossi e la Reggiana nel 1993: da quel pomeriggio le presenze al Brianteo diventeranno un appuntamento fisso. Frequenta il Liceo Zucchi mentre il Monza combatte in serie B, e si iscrive all’Università quando i biancorossi perdono in casa contro il Pisa nel settembre 2001. Nel 2006 si laurea in Economia, specializzandosi nel settore delle consulenze aziendali. E’ il 2010 quando si propone come collaboratore per Monza News, e in quell’occasione conosce Stefano Peduzzi: inizia così una lunga collaborazione che sfocia presto in amicizia e che trasforma la passione per il calcio e la scrittura in un impegno sempre più coinvolgente. Dal 2012 collabora con alcune testate che seguono il campionato di Serie C, mentre dal 2014 diventa telecronista per Elevensports per le partite casalinghe della Giana Erminio. L’anno seguente si iscrive all’albo dei giornalisti pubblicisti; nelle ultime stagioni sportive ha lavorato nell'Ufficio stampa di due società attualmente militanti in Serie D.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO