lunedì, Luglio 4, 2022
HomeAC MonzaMonza in A, come sono andate le altre debuttanti?

Monza in A, come sono andate le altre debuttanti?

Il Monza sarà la sessantottesima squadra a partecipare alla Serie A. Un traguardo storico, atteso da generazioni di tifosi per oltre un secolo e concretizzatosi domenica scorsa a seguito della pirotecnica finale con il Pisa. Una linea di partenza più che un punto d’arrivo per la compagine di mister Stroppa, che si presenterà alla nuova categoria con l’entusiasmo delle debuttanti e, soprattutto, con quaranta partecipazioni in cadetteria alle spalle, un bagaglio d’esperienza che ben poche provinciali possono vantare nel loro curriculum. Un’avventura entusiasmante a cui l’intera tifoseria non vede l’ora di poter prendere parte, come dimostrato dall’U-Power stracolmo che ha festeggiato ieri l’impresa di Sampirisi e compagni.

In attesa dell’avvio dei ritiri che sancirà la partenza ufficiale della stagione 2022-2023, il Monza sfoglia le statistiche riguardanti le esordienti in A. I bagai non saranno né la prima, né tanto meno l’ultima, a calcare i campi del massimo campionato per la prima volta. Sono nove, infatti, le squadre che in questo millennio hanno fatto la loro prima apparizione in Serie A, aggiungendo così il proprio nome all’albo dei grandi. Vediamo come sono andate le altre debuttanti.

Dallo Spezia di Vincenzo Italiano al Chievo Verona dei miracoli, che chiuse la prima annata in A con una storica qualificazione Coppa UEFA, passando per il Sassuolo, che nel 2013 ha conosciuto la massima serie senza più abbandonarla. Più deludenti le prime esperienze di Benevento e Frosinone, retrocesse al primo approccio con la Serie A come successo anche allo sfortunato Carpi, costretto a una celere retrocessione in B con ben 38 punti totalizzati. Come dimenticare invece l’impresa del Crotone di Davide Nicola, ultimo in classifica al termine del giro di boa e condotto a un’insperata salvezza grazie a un superlativo girone di ritorno. Chiudono il club delle matricole al debutto degli anni duemila il Siena, che nel 2004 salvò la categoria per il rotto della cuffia, e il Treviso, che nella sua prima, e unica, comparizione in A si distinse per le sole 21 reti realizzate, ancora oggi record negativo nella storia della Serie A.

Statistiche contrastanti, che rispecchiano i diversi approcci delle esordienti in Serie A, alcune divenute presenze fisse altre invece inciampate sul più bello e mai più ritornate. Un destino, in questo caso, tutto nelle mani dei brianzoli, che dalle parole del presidente Berlusconi hanno già dichiarato di voler lasciare il segno anche in massima serie, campionato dove la piazza biancorossa spera di potersi togliere tante soddisfazioni.

 

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Andrea Papaccio Napoletano
Andrea Papaccio Napoletano
Andrea Papaccio Napoletano, classe 2000, sono giornalista pubblicista dal 2022. Da sempre appassionato di calcio e televisione, scrivo su Monza News e TvSoap, oltre ad aver collaborato in passato con diverse testate locali e nazionali.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO