lunedì, Giugno 27, 2022
HomeAC MonzaVideo - Cattaneo: "Orgoglioso di essere il capitano". E su Allegretti ...

Video – Cattaneo: “Orgoglioso di essere il capitano”. E su Allegretti …

Sulla fan page di Facebook www.monza-news.it la videointervista al capitano del Monza Davide Cattaneo (clicca qui per accedere)

Vi proponiamo le dichiarazioni del capitano biancorosso Davide Cattaneo al termine della sconfitta casalinga patita ad opera dell’Inveruno.

– Davide, che spiegazione ti sei dato per questo atteggiamento sbagliato?

"E’ il calcio, abbiamo fatto le prime tre partite bene, magari in qualche occasione abbiamo vinto senza meritare pienamente. Oggi probabilmente. avendo raccolto due vittorie e un pareggio, ci sentivamo forti in casa contro l’Inveruno e l’abbiamo pagata. Quello che ho detto ai ragazzi entrando negli spogliatoi, al di là dell’arrabbiatura che fino a domenica prossima ci accompagnerà, è che ci deve servire di lezione. Non è che se vinci una partita poi diventi improvvisamente forte, devi renderti conto che sei sempre "scarso" come prima. Per questo bisogna sempre avere il giusto atteggiamento, altrimenti in questa categoria rischi di perdere con l’ultima così come con la prima".

– La difesa sembrava il reparto più completo ed affidabile: come spieghi tutti questi gol subiti e questo decadimento della retroguardia?

"Io penso che lavoriamo sempre bene. Quando però inizi a prendere una serie di gol, nella testa ti vengono tanti grilli che ti dicono le cose sbagliate e che in campo ti portano a fare delle cose sbagliate. Sicuramente contro il Parma avevamo una mentalità più concreta e determinata, mentre in queste partite abbiamo concesso troppo. Dobbiamo tornare ad esserlo, senza badare ai fronzoli. Se c’è da spazzare la palla a cinquanta metri, lo dobbiamo fare piuttosto che prendere gol. Poi parleremo del bel gioco e del resto".

– Può aver influito il passaggio dalla difesa a 4 quella a 5? Non avete forse ancora un modulo definito e ne risentite.

"Passare da un modulo all’altro contro il Lecco ci ha portato buoni frutti. Io ero in tribuna e ho visto una squadra che si sentiva più serena perché si sentiva più coperta e difatti è riuscita a fare il terzo gol. Oggi siamo passati da 5 a 4 e i primi venti minuti della ripresa abbiamo fatto meglio che nella prima frazione. Dopo è subentrata la stanchezza: dal campo mi rendevo conto che eravamo lunghi e facevamo fatica nell’uno contro uno. Non penso che il problema sia il modulo, penso che sia da ricercare solo nell’atteggiamento mentale".

– Tu come preferisci giocare?

"Quando ho giocato col mister a Olginate il primo anno ho giocato a cinque, ma l’anno scorso ho giocato a quattro. A me personalmente piace più a quattro perché così si è più votati all’attacco, però il mister è maestro in questo. Quello che vede in allenamento e che reputa sia il meglio per noi, lo fa. Tutto dipende dalla partita che si va ad affrontare e alle caratteristiche dell’avversario. La differenza la fa solo vincere e noi dobbiamo vincere".

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO