mercoledì, Maggio 12, 2021
Home Motori Motori: Byrne vince l'antipasto delle Superbike a Monza

Motori: Byrne vince l’antipasto delle Superbike a Monza

L’inglese, ad una settimana dall’appuntamento mondiale di Monza, ha vinto una gara interrotta con la bandiera rossa al decimo giro a causa della rovinosa caduta di Norino Brignola, scivolato alla curva Parabolica. Per lui un forte colpo alla testa che ha provocato una breve perdita di conoscenza. Ricoverato nel centro medico dell’autodromo, è stato immediatamente dimesso.

Quella di oggi è stata una giornata caratterizzata da molte cadute, alcune molto rovinose, il cui esito avrebbe potuto essere ben più drammatico. A partire da quanto accaduto nella gara della Superstock 1000 quando, alla partenza, Lacalendola è rimasto bloccato in griglia ed è stato tamponato da Ortega. Nella caduta è stato coinvolto anche Biliotti, prima catapultato a 360° dalla sua moto e successivamente travolto dal mezzo. Il pilota è rimasto a terra immobile e sono dovuti intervenire immediatamente i medici che hanno dapprima rianimato e successivamente intubato il pilota, portandolo immediatamente all’ospedale di Monza.  Trauma cranico e toracico per lui, già  in serata  i medici hanno provveduto a togliere i tubi per la respirazione. Trauma toracico e dolori inguinali anche per Ortega, l’altro pilota coinvolto nell’incidente, mentre Lacalendola non ha subito danni fisici.

Per quanto concerne la gara delle Superbike, Byrne ha vinto dopo aver ottenuto la pole e perso la prima posizione solo al primo giro, a favore del brianzolo Lorenzo Mauri. Già  al secondo giro il pilota inglese ha preso il largo girando ad un passo insostenibile per gli avversari. Dietro di lui gran bagarre per il secondo posto, dalla quale sono usciti vincitori a sorpresa Luca Conforti e Flavio Gentile.

Questa la classifica della Superbike:

1 €“ Byrne
2 €“ Conforti
3 €“ Gentile

Ad animare la classe Superstock 1000 ci ha pensato dapprima il grave incidente (sopra esposto) che ha coinvolto, lo ripetiamo, Lacalendola, Ortega e Biliotti. Alla ripartenza è stata subito lotta tra Corti, Colucci, Petrucci e Fores. I quattro si sono scambiati più volte la posizione, creando a volte anche un effetto elastico che ha portato i quattro a distanziarsi e poi riprendersi. Le staccate di Corti, sempre di traverso, hanno reso ancor più spettacolare la lotta, nella quale Petrucci è riuscito a rimanere grazie alla sua abilità  in frenata che gli ha permesso di coprire le lacune motoristiche della propria moto. Alla fine dalla lotta è uscito vincitore Colucci che ha beffato Corti proprio all’ultima curva: Corti, entrato primo in Parabolica, patina in accelerazione con le gomme della sua Suzuki ormai alla frutta. Il pilota brianzolo ha cercato in ogni modo di chiudere la porta a Colucci, il quale, passando proprio sulla riga bianca, è riuscito a transitare primo sotto la bandiera a scacchi. Al terzo posto è giunto Petrucci davanti a Fores.

Questa la classifica della Superstock 1000:

1 €“ Colucci 18’22.689
2 €“ Corti 0.269
3 €“ Petrucci 0.347
4 €“ Fores 1.534
5 €“ Verdini 8.142
6 €“ Russo 8.235
7 €“ Seaton 8.700
8 €“ Napoleone 14.614
9 €“ Saltarelli 14.652
10 €“ Salvatore 15.405

Colucci
Colucci, vincotore della Superstock 1000 a Monza
In classe 125 è brillata la stella di Morciano, quindicenne romano, alla seconda stagione tra le GP. Il giovane pilota dello Junior GP Racing non ha vinto, ma ha stupito tutti sia in pista che fuori. Molto determinato sul tracciato, dove ha messo in riga i ben più esperti avversari, soccombendo solo all’esperto ventenne Moretti. Partito male, fino a retrocedere in nona posizione, in difficoltà  alla prima variante, Morciano ha recuperato terreno sugli avversari alla variante Ascari ed in Parabolica. Proprio qui ha sferrato l’attacco al compagno di squadra all’ultimo giro, ottenendo il secondo posto. Euforico appena sceso dal podio, il giovane talento romano, molto veloce anche con le parole, ha affermato di non ispirarsi ad alcun pilota, ma €œdi voler prendere d’esempio i sorpassi di Valentino Rossi, la pulizia di guida di Max Biaggi, la grinta di Stoner€¦€
La gara è vissuta sul duello tra Morciano, Tonucci, Sabatino, Parziani e Ferro, giunti nell’ordine sul traguardo, mentre il leader Moretti s’era involtato indisturbato da subito.
Buona prova per i rappresentanti del MotoClub Biassono, tra cui il migliore è stato Ferro, sesto, mentre a punti è giunto Torlaschi, secondo tra i piloti Honda, in quindicesima posizione. Ha sfiorato invece la zona punti Nazareno Lumina, quindicenne bergamasco, sempre facente parte del sodalizio biassonese, giunto in diciassettesima posizione dopo una gara accorta.

Questa la classifica della 125 cc:

1 €“ Moretti 26’53.57
2 €“ Morciano 5.112
3 €“ Tonucci 5.260
4 €“ Sabatino 6.634
5 €“ Parziani 6.683
6 €“ Ferro 6.738
7 €“ Ravaioli 21.521
8 €“ Pontone 23.334
9 €“ Russo 32.994
10 €“ Mattiello 33.146

Moretti
Moretti, vincitore della 125 GP
La 600 Superstock è di marca€¦.Lamborghini. Il nipote dell’omonimo fondatore della prestigiosa casa automobilistica bolognese ha vinto indisturbato tra le 600, regolando Boscoscuro a tre secondi, Massei a quasi cinque secondi ed il resto degli avversari oltre i dieci secondi. Molto combattute le posizioni a ridosso del podio, dove in due secondi si sono racchiusi ben otto piloti. Da segnalare, tra i centauri del Moto Club Monza, l’undicesimo posto di Rossi ed il diciannovesimo di Poma.

Questa la classifica della 600 SSTK:

1 €“ Lamborghini 19’01.713
2 €“ Boscoscuro 3.458
3 €“ Massei 4.910
4 €“ Tamburini 12.003
5 €“ Gregorini 12.097
6 €“ Manghi 12.586
7 €“ Lombardi 13.879
8 €“ Lorenzetti 13.992
9 €“ Marconi 14.161
10 €“ Filice 14.592

Lamborghini
Lamborghini, protagonista della 600 Superstock
La classe 600 Supersport ha mantenuto i pronostici che volevano Michele Pirro vincitore indisturbato. Il pilota del team Lorenzini, dopo una partenza accorta che lo ha retrocesso in terza posizione, è risalito gradualmente fino alla prima per poi prendere un buon margine ed amministrare fino al termine. Memore degli errori delle precedenti annate, quando in piena lotta per la vittoria era caduto in entrambe le apparizioni, Pirro ha mantenuto un’andatura costante, senza forzare, ma che gli ha comunque permesso di mantenere un margine di tutta sicurezza fino alla fine. Ottima la prova di Danilo Dell’Omo, secondo, con la Honda del team Kuja Racing. Per il pilota toscano è un risultato di assoluto prestigio e soprattutto di buon auspicio per l’appuntamento mondiale della prossima settimana: €œHo visto che siamo competitivi e penso quindi di fare un’ottima prestazione qui a Monza la prossima domenica€, ha concluso così la conferenza stampa post gara il pilota del Kuja Racing. Terzo il €œsempreverde€ Simone Sanna, del MotoClub Biassono, molto felice sul traguardo dopo i recenti problemi fisici. €œE’ un ottimo risultato dopo il botto di Misano €“ ha affermato appena sceso dal podio €“ e sono davvero molto felice. Ora devo concentrarmi per migliorare anche in prova in quanto, partendo dietro, ho faticato molto nel risalire le posizioni€. Splendidi protagonisti della prova monzese del CIV anche Alessio Velini e Franco Battaini, quest’ultimo del Moto Club Biassono, che hanno sfiorato il podio. A punti per il MotoClub Biassono anche Migliorati ed Alfonsi, dodicesimo e tredicesimo, giunti in volata sotto la bandiera a scacchi.
Finale sfortunato per Palumbo e Lunadei protagonisti di un ottimo avvio che li aveva portati nelle posizioni di vertice, ma che sono stati costretti a chiudere in nona e decima posizione. Da segnalare anche la buona prestazione della €œguest star€ Matteo Marzotto, ventiseiesimo.

Questa la classifica della 600 Supersport:

1 €“ Pirro 26’21.587
2 €“ Dell’Omo 2.310
3 €“ Sanna 3.521
4 €“ Velini 3.534
5 €“ Battaini 4.194
6 €“ Corradi 6.043
7 €“ Brannetti 6.532
8 €“ Ruggiero 6.874
9 €“ Palumbo 7.294
10 €“ Lunadei 7.453

Michele Pirro
Michele Pirro in azione a Monza
BALOTELLI, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=balotelli
CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Avatar
Cristiano Mandelli
Cristiano Mandelli nasce nel 1973 e già all’età di 5 anni comincia a frequentare l’ambiente dei motori, con il suo primo Gran Premio Lotteria nel 1978. La passione per i motori lo ha portato a metà degli anni novanta a collaborare con alcune testate locali prima, successivamente nazionali, come corrispondente dall’Autodromo di Monza. Ha collaborato anche con numerosi piloti e squadre come ufficio stampa. Tra i più conosciuti Stefano d’Aste nel Campionato Mondiale Turismo; Marco Mapelli in Formula Renault, Formula 3, Ferrari Challenge e GT; MV Agusta – GiMotorsport nel Campionato Mondiale Superstock e Campionato Italiano Superbike; Matteo Ghidini nel CEV – Moto 3 Junior World Cup; è stato Addetto Stampa e Comunicazione in Lotus Cup Italia

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO