lunedì, Agosto 8, 2022
HomeMotoriSorpresa nel WEC all'Autodromo di Monza: vince l'Alpine

Sorpresa nel WEC all’Autodromo di Monza: vince l’Alpine

- Advertisement -

Spettacolo in pista e non solo questo week end all’Autodromo di Monza, grazie ad una gara tiratissima e piena di sorprese ed alle tante iniziative messe in atto dagli organizzatori (Pit Walk, Grid Walk e Fan Zone).

Ancora una volta il WEC ha dimostrato l’alta competitività dei piloti delle varie classi che, nonostante ben sei ore di gara, hanno reso il risultato incerto fino alla fine. Non solo in classe Hypercar, dove tutti si aspettavano il dominio della Toyota ed invece è emersa dapprima la Glickenhaus, che ha ottenuto sorprendentemente la pole position e soprattutto ha mantenuto la leadership della corsa per più di metà gara. Quando il motore della vettura statunitense ha cominciato a fare fumo dalla bancata destra, si è pensato ad una cavalcata solitaria da parte della Toyota. Ma qui è uscita alla distanza la Alpine, che con Vaxiviere ha rimontato sulle vetture giapponesi ed ha lottato lungamente per la seconda piazza con la vettura di Buemi HartleyHirakawa. Una volta superati, la vettura francese ha recuperato velocemente terreno anche sulla vettura di Kobaiashi con il quale ha ingaggiato un duello che ha portato ad un contatto sul rettifilo del traguardo, dove ad avere la peggio è stata la vettura giapponese, a cui è scoppiato un pneumatico ed è stata costretta al rientro ai box.

Al traguardo sono quindi giunti primi Matthieu Vaxiviere, Nicolas Lapierre e André Negrao, davanti a Buemi, Hartley e Hirakawa, mentre sul terzo gradino del podio sono saliti Kobaiashi, Conway e Lopez.

Molto male la debuttante Peugeot 9X8, da cui ci si aspettava molto ma che già in prova aveva palesato problemi di affidabilità. La numero 93 di Paul Di Resta, Mikkel Jensen e Jean-Eric Vergne si è ritirata nel primo terzo di gara, mentre quella di Loic Duval, Gustavo Menezes e James Rossiter ha abbandonato la corsa nel secondo terzo di gara.

Risultato per nulla scontato anche tra le LMP2, classe nella quale diversi team hanno preso la leadership in svariati momenti di gara. A tagliare il traguardo davanti a tutti sono stati Rui Andrade, Norman Nato e Ferdinand Habsburg su Oreca 07 – Gibson di Realteam by WRT. Hanno provato a contrastarli Roberto Gonzalez, Antonio Felix da Costa e William Stevens (Jota), leader della classifica piloti, che hanno comunque disputato una gara straordinaria, rimontando dalla 38esima e ultima posizione in griglia fino ad arrivare ad un passo dal successo di categoria. Vector Sport è riuscito a salire sul terzo gradino del podio di classe con la vettura #10 di Nico Müller, Ryan Cullen e Sebastien Bourdais.

Drammatico il risvolto finale di gara per la Ferrari in classe LMGTE Pro. A due minuti dalla fine la Ferrari 488 GTE Evo di Antonio Fuoco e Miguel Molina, che aveva dominato fino a quel momento, quando mancavano solamente pochi km alla bandiera a scacchi, è stata costretta ad un ulteriore rifornimento in pit lane per un errore del team, che non aveva ben calcolato la quantità di carburante necessario per arrivare al traguardo. A festeggiare alla fine è stata la Corvette del duo anglo-americano formato da Nick Tandy e Tommy Milner, che si sono visti servito su un piatto d’argento un successo insperato. Terzo posto per l’altra Ferrari, quella di Alessandro Pier Guidi e James Calado, in lotta per la vittoria tanto quanto i compagni di scuderia dopo essere partiti davanti a tutti nella loro classe, ma anch’essi penalizzati da un errore al muretto che gli è costato una penalità.

Alle Iron Dames non è bastata invece una prestazione superlativa sia in qualifica che in gara per spuntarla su tutti i competitor nella classe LMGTE Am. Dopo una sorprendente pole di Sarah Bovy e un primo posto confermato per un’ampia fetta di gara anche da Rahel Frey e Michelle Gatting, le ragazze al volante della Ferrari 488 GTE Evo si sono viste soffiare uno storico trionfo a Monza dalla Porsche 911 RSR – 19 di Dempsey-Proton Racing, guidata da Christian Ried e dai britannici Sebastian Priaulx e Harry Tincknell. Cruciale una sosta ai box più lunga del previsto per le Dames, che hanno provato a ricucire lo strappo nel finale senza esito e finendo seconde. Dietro di loro si sono posizionati Mikkel Pedersen, Nicolas Leutwiler e l’italiano Matteo Cairoli, su un’altra delle cinque Porsche in gara.

E’ stato anche un grande successo di pubblico quello del WEC a Monza: dalla mattina in tantissimi si sono presentati ai cancelli di ingresso ed hanno affollato la corsia box per la pit walk per poi riempire, durante le sei ore, le varie zone della pista ed infine festeggiare, invadendo la pista, sotto il podio come accade con la Formula 1, i vincitori delle varie classi.

Si è chiusa quindi la prima parte della stagione agonistica dell’Autodromo di Monza, ora si attende con trepidazione il mese di Settembre in quanto, proprio in quel mese, si festeggeranno i 100 anni dell’Autodromo Nazionale e si disputerà il Gran Premio d’Italia di Formula Uno. Proprio per il Gran Premio di Monza ci si attende il record di presenze; con oltre 240.000 biglietti già venduti si è già superato di gran lunga il record di presenze fatto registrare nel 2019, l’anno in cui vinse Charles Leclerc, con 200.000 persone nel week end.

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Sandro Coppola
Sandro Coppola
Sandro Coppola. Collaboro dal maggio 2014 per la testata Monza-News.it, arrivando a produrre più di 5000 articoli nel complesso. Sono attivo inoltre, a partire da fine 2018, per Football Wikiscout, una pagina calcistica presente su Facebook, Twitter ed Instagram di analisi, statistiche ed approfondimenti sul mondo del calcio. Alcuni dei miei pezzi vengono poi utilizzati dal sito Football Scouting.it. Dal 2012 mi diletto inoltre come dirigente o collaboratore esterno per società calcistiche dilettantistiche del lecchese e monzese. Seguo il Monza da 25 anni ma amo il mondo pallonaro in generale dall'infanzia e sono affascinato dalla cultura calcistica olandese. Appassionato anche di tennis, hockey roller e volley, sci alpino, non disdegnando il basket europeo e Nba.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO

Monza-News