x

x

Profondo sconcerto nell'apprendere certe notizie. Quello che è successo giovedì notte di fronte all'Ospedale San Gerardo di Monza è tanto incredibile quanto vergognoso. Ogni atto di vandalismo lo è a prescindere, ma certi lasciano davvero subiti sulla china che sta prendendo la società.

Non stiamo parlando di una ragazzata, peraltro altrettanto da condannare, ma di un episodio messo in atto, probabilmente, da persone adulte. Chi e, soprattutto, perché, ancora non è dato sapere.

I fatti

Cinque auto con le ruote a terre. Succede in via Pergolesi, a pochi passi dall'Ospedale San Gerardo di Monza. Le gomme delle vetture sono state squarciate da alcuni vandali che han preso di mira gli infermieri che avevano appena terminato il loro turno. Sorpresa e rabbia, immaginiamo, le prime reazioni di chi si è visto appiedato in maniera ingiustificata. Alcuni hanno constatato i tagli su quattro pneumatici, altri solo su due. 

coltello squarcia gomma

La denuncia

Gli sfortunati infermieri hanno subito dovuto chiamare soccorso, per essere riportati a casa. Alcuni di loro hanno già sporto denuncia contro ignoti. Si spera che le telecamere collocate nell'area possano risalire quanto prima ai vandali autori dell'atto criminale.

Oltre al danno, per chi lo ha subito, ora c'è anche la beffa di dover sostenere una spesa imprevista e non certo di poco conto. Sarebbe un bel gesto, da parte del nosocomio brianzolo ma non solo, quello di venire incontro economicamente a coloro che sono stati colpiti da questo brutto episodio. 

Anche trovando i colpevoli, infatti, i malcapitati infermieri, se necessiteranno del loro veicolo a breve, dovranno subito fronteggiare la spesa. Di questi tempi, con i loro stipendi spesso non commisurati alla mole di lavoro e ai loro sacrifici, una vera e propria disdetta, che potrebbe pesare non poco sul loro bilancio familiare. Anche altre istituzioni di Monza potrebbero dire la loro per aiutare queste persone. 

 

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi