x

x

Andrea Giambruno, 42 anni
Andrea Giambruno, 42 anni

Inopportuna, forse. Si poteva evitare, magari. Di certo quello che sta accadendo intorno alla frase di Andrea Giambruno, giornalista Mediaset, compagno del Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, è un po' figlio dei nostri tempi. 

Cercare la virgola, la sfumatura, la polemica a tutti i costi, estrapolando una mezza frase da un contesto. L'argomento è molto delicato, certamente, perché si stava parlando di un atto gravissimo come lo stupro, tuttavia la strumentalizzazione di qualsiasi parola si dica è ormai pratica diffusissima. 

Andrea Giambruno è nato a Milano 42 anni fa, ha studiato e si è diplomato al Frisi di Monza, dove ha vissuto per diverso tempo, laureandosi poi in Filosofia presso l'Università Cattolica del capoluogo meneghino. Ha iniziato la sua avventura professionale a Telenova, per poi passare a Mtv. Nel 2009 il grande salto nel Gruppo Mediaset, dapprima come autore televisivo per i programmi quali Quinta Colonna, Matrix, Mattino Cinque e Stasera Italia, poi come volto di Tgcom 24 e Studio Aperto.

Conosce Giorgia Meloni nel dietro le quinte di “Quinta colonna” nel 2015. Dopo poco più di un anno, i due annunciano la nascita di Ginevra, a settembre 2016.

Dall'anno scorso conduce “Diario del giorno”, rubrica quotidiana di approfondimento su Rete 4. Proprio qui, dagli studi di Roma, dove si è trasferito quando la compagna è diventata Presidente del Consiglio, è nata la polemica relativa alla sua frase di lunedì 28 agosto “se eviti di ubriacarti, di perdere i sensi magari eviti anche di incorrere in determinate problematiche e poi rischi effettivamente che il lupo lo trovi”.

Tolta da un contesto in cui erano state usate parole giustamente molto forti per condannare gli stupri di Caivano e Palermo, questa frase ha suscitato un vespaio sui social, con tanto di prese di posizione da parte della politica. Ovviamente, verrebbe da dire, in gran parte dello schieramento contrario alla Meloni. 

Immediata la replica di Giambruno che ha parlato o di strumentalizzazione o di problemi di comprendonio da parte di chi ha voluto fare polemica. Insomma, nulla di nuovo sotto il sole…  

 

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi