x

x

Josè Mourinho
Josè Mourinho

Il tecnico della Roma, prossima avversaria del Monza, José Mourinho ha parlato a Gameplan-a.com, portale dell'Adidas.

Ecco alcuni passaggi delle sue parole:

"Non è possibile essere un top allenatore di calcio senza parlare più lingue. Il calcio è diventato universale. Nello spogliatoio hai ragazzi di molte nazionalità diverse, e ovviamente devi imparare la lingua madre del paese in cui ti trovi. Alla fine, per avere più empatia e comunicare meglio con le persone con cui stai lavorando devi essere davvero bravo in diverse lingue”.

"Quando vedo i colleghi lottare contro una retrocessione e riuscire a mantenere la propria squadra nella divisione, per me significa vincere. Vincere non significa necessariamente essere il ragazzo che vince la coppa. vincere non significa portare a casa una medaglia o una coppa. Conosco un sacco di colleghi che non hanno mai vinto un trofeo, ma hanno raggiunto i loro obiettivi. Per me loro sono degli allenatori vincenti. Vincere è la cosa più importante nel calcio, non serve trovare scuse o professare filosofia, serve essere un vincente".

“Devi avere una forte personalità per dire: ok, io sono il capo, faccio le decisioni. Questo non è negoziabile. Se le sessioni di allenamento iniziano alle 10:00 del mattino, non aspetto un solo minuto. Anche se sei Diego Maradona, che non ho mai avuto il piacere o l'onore di allenare, se si inizia alle 10:00, devi essere pronto per le 10:00. La squadra è la cosa più importante, anche se sei il miglior giocatore del mondo. Ognuno deve seguire le regole e mostrare il rispetto per i colleghi. Come allenatore, devi essere sia soft che duro. Forse soft non è la parola giusta. Devi essere aperto, molto aperto a ciò che pensano i giocatori, a ciò che i giocatori sentono, e non solo attenerti alle tue idee, perché lavori con un gruppo. Il gruppo deve avere una voce: ha bisogno di avere un’opinione, di condividere. E devi essere aperto con i giocatori per farli funzionare come squadra”.

“Se vinci tre partite di fila, puoi pensare di essere in paradiso… magari poi arriva una sconfitta. Perdi due, tre partite di fila, ma non sei all'inferno, perché uscirai da questo momento buio e vincerai di nuovo. È molto importante mantenere l’equilibrio e questo è qualcosa che ho imparato molto con l'esperienza. Penso che più esperienza hai, più sei equilibrato e più i giocatori ti guardano e vedono una roccia, come qualcuno di cui possono fidarsi. Empatia significa tutti insieme nello stesso progetto. Un club è fatto di molte persone. Proprietari, direttori, allenatori, giocatori. Tutti. Empatia per me significa che tutti stanno andando nella stessa direzione”.

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi