sabato, Aprile 17, 2021
Home Notizie News Coronavirus, i dati di mercoledì 24 Marzo: migliora la percentuale, ma restano...

Coronavirus, i dati di mercoledì 24 Marzo: migliora la percentuale, ma restano alti i decessi, confermata la zona rossa fino a Pasqua. Continuano le vaccinazioni, non senza qualche intoppo.

Si iniziano a notare i primi segni di un lieve miglioramento dai dati registrati mercoledì 24 Marzo nella regione Lombardia: la percentuale di positività scende al 7.1 %, con 59.626 tamponi effettuati, di cui 4.282 positivi.  Un altro dato rassicurante è l’aumento dei guariti/dimessi, che salgono a +2.256 e l’aumento delle nuove terapie intensive regionali di solo +9 pazienti.

Decisamente meno roseo è il conteggio dei decessi, +110 in sole 24 ore, analisi che fa arrivare a più di 30.000 decessi da inizio pandemia nella regione Lombardia.

La provincia di Monza e Brianza vede salire la quota di positivi a +301 rispetto alle analisi precedenti: i dati di questa settimana dimostrano come l’ondata delle terapie intensive e dei ricoveri stia man mano rallentando, anche se l’allerta negli ospedali rimane ancora alta.

Anche la campagna vaccinale nel monzese prosegue, nonostante gli intoppi: stanno terminando le ultime somministrazioni agli over 80 e al personale scolastico, ma non mancano degli incidenti spiacevoli dettati dalla mala organizzazione e dai malfunzionamenti. L’ultimo spiacevole accaduto riguarda il comune di Cavenago, dove le burocrazie e le amministrazioni non hanno comunicato a dovere e un assessore comunale di 90 anni, Primo Vitali, è stato chiamato per vaccinarsi nonostante la famiglia avesse per tempo comunicato la sua dipartita, avvenuta circa 10 giorni prima dell’appuntamento per la somministrazione.

Nel frattempo, arrivano notizie poco piacevoli per i cittadini lombardi: salvo dei miracolosi e netti miglioramenti in questi giorni, la Lombardia resterà zona rossa fino al 5 Aprile, nonostante le speranze dei lombardi e del Presidente di regione Attilio Fontana. “Vedo dati in miglioramento, ma non posso dire nulla”, aveva dichiarato, aprendo uno spiraglio di speranza, presto smentito dal dirigente del settore Welfare della Regione che ha confermato la zona rossa nella mattinata.

Intanto, lo sguardo degli italiani è rivolto all’estate, sia nella speranza di poter tornare a viaggiare o a spostarsi anche solo tra le regioni, sia per gli imprenditori e per i proprietari di lidi e hotel nelle zone turistiche. Abbiamo approfondito la questione apertura dei lidi balneari in Liguria ed Emilia-Romagna negli articoli che seguono.

Erika Rossini

BALOTELLI, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=balotelli
CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO