lunedì, Giugno 21, 2021
Home AC Monza Brocchi: 'Stop forzato influenza aspetto mentale. Promozione? I meriti sportivi vanno riconosciuti'

Brocchi: ‘Stop forzato influenza aspetto mentale. Promozione? I meriti sportivi vanno riconosciuti’

Il tecnico biancorosso Cristian Brocchi è stato ospite questo pomeriggio di Radio Kiss Kiss parlando del periodo di stop forzato causato dall’emergenza sanitaria: “Come stanno i miei giocatori? E’ normale che in questo momento siamo giù di tono, è fuori discussione. E’ stata una situazione difficile, nessun calciatore è mai stato fermo per così tanto tempo. Si fa quindi fatica a livello mentale. Ti puoi allenare finché vuoi da solo a casa, come stiamo facendo noi, ma il pallone, l’erba e il campo ti mancano“.

Se ci aspettiamo di concludere la stagione sul campo e con una promozione meritata? Noi abbiamo sempre detto che avremmo voluto concludere la stagione sul campo, giocando le partite che ci rimangono per poter festeggiare con i nostri tifosi che la aspettano da tanto tempo. Volevamo giocarcela sul campo, ma se questo non sarà possibile, i meriti sportivi devono essere tenuti da conto. I miei ragazzi hanno fatto qualcosa di grande fino all’ultima partita giocata“.

Che impressione ho relativamente alla ripresa in Serie A? La Serie A fa da traino all’Italia, il sistema calcio è la terza industria italiana. Si attacca sempre questo mondo quando le cose non vanno bene, ma non dimentichiamoci che porta posti di lavoro e possibilità ad un numero elevatissimo di persone. Oltre al lato economico per il nostro Paese, il calcio porta anche le emozioni, dà a tutte le categorie, le classi in Italia, qualcosa che le unisce: l’amore per la propria squadra, la voglia di vedere una partita ed emozionarsi. Potrebbe essere un’occasione per trainare verso il ritrovamento della nostra quotidianità a tutte le persone che ancora stanno soffrendo o che hanno subito qualcosa di grave a livello famigliare. Può essere un segnale per dire che dobbiamo andare avanti tutti insieme“.

Quanto è grande il rischio di infortuni nel tornare in campo dopo tanto tempo? E da un punto di vista mentale quanto è difficile giocare a porte chiuse? Dal punto di vista fisico è un problema molto grosso, troppa inattività non fa bene. In estate i giocatori hanno 4-5 settimane di vacanza e poi riprendono con una preparazione di un mese prima di affrontare partite ufficiali, si può capire così quanti problemi possano ora avere i calciatori. Le sedute individuali serviranno per rimetterli al passo: il corpo è come una macchina e bisogna rimetterlo a puntino. Non puoi stare fermo 2 mesi e poi in 15 giorni essere pronto ad affrontare 3 partite in una settimana. Per quanto riguarda le porte chiuse, dico che non è calcio. Io le ho giocate, ma le emozioni non sono le stesse così come l’adrenalina. Il pubblico aiuta, le emozioni che ti regala il calcio sono tante e sarebbe quindi bello giocarlo solo col pubblico. Se non si può in questo momento, si cercherà di concluderli nel modo migliore per poi tornare alla normalità nel prossimo“.

BALOTELLI, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=balotelli
CORONAVIRUS, TUTTE LE NOTIZIE : www.monza-news.it/?s=coronavirus

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO