giovedì, Settembre 29, 2022
HomeAC MonzaSerie B 2020-2021, gli allenatori: cambiamenti e conferme si equivalgono. Per Brocchi...

Serie B 2020-2021, gli allenatori: cambiamenti e conferme si equivalgono. Per Brocchi due ‘derby’…

- Advertisement -

Undici conferme e nove novità, questa la geografia che l’estate ha ridisegnato sulle panchine di Serie B: si va dagli esperti Castori, Delneri e Tesser agli emergenti Dionisi, Occhiuzzi e Zanetti; gli spostamenti diretti della categoria sono limitati a Empoli e Ferrara.

Ascoli: Bertotto (Dionigi) – Il classe 1973 piemontese debutta in Serie B ritrovando la panchina a tre anni di distanza: prima della Viterbese l’esperienza più importante alla Nazionale U20 di Serie C

Brescia: Delneri (Lopez) – Il 70enne di Aquileia torna in Serie B dopo vent’anni: la scalata col Chievo è stata la migliore esperienza di una carriera che lo ha portato a Juventus, Porto e Roma

Chievo: Aglietti (confermato) – Per il toscano classe 1970 le recenti esperienze da subentrante lungo l’Adige sono state bifronti: Hellas promosso ai playoff, Chievo stoppato in semifinale

Cittadella: Venturato (confermato) – L’australiano classe 1963 è ormai legato a filo doppio ai padovani, issati e stabilizzati in Serie B nell’arco di sei anni, col rimpianto di una finale ribaltata

Cosenza: Occhiuzzi (confermato) – Il 40enne ha assunto il ruolo di profeta in patria, grazie a un finale, in sostituzione di Braglia, al fulmicotone che ha salvato a sorpresa i silani

Cremonese: Bisoli (confermato) – Il classe 1966 emiliano ha consolidato i grigiorossi in una categoria che ha vinto per due volte col Cesena, mancando poi conferma a Bologna e Cagliari

Empoli: Dionisi (Marino) – Il 40enne senese vanta ambizioni parallele al sodalizio di Corsi: il gioco brillante dell’Imolese e la salvezza in Laguna lo bollano come predestinato

Frosinone: Nesta (confermato) – Alti e bassi in Ciociaria per il classe 1976 che si è avvicinato alla panchina in America: sarà uno dei due incroci rossoneri per Brocchi e la dirigenza

Lecce: Corini (Liverani) – Le salvezze clivensi e la promozione dai cadetti un anno fa col suo Brescia sono i fiori all’occhiello del 50enne chiamato a ricevere il triennale testimone di Liverani

Monza: Brocchi (confermato) – La cavalcata all’ombra di Teodolinda permette al milanese classe 1976 di cercare la rivincita con la Serie B assaporata con le Rondinelle

Pescara: Oddo (Sottil) – Dopo aver perso contro il Delfino il playout, l’altro campione del mondo della compagnia si rituffa nell’Adriatico: è la casa del classe 1976

Pisa: D’Angelo (confermato): Terza stagione sotto la Torre Pendente per il 50enne abruzzese, dopo la promozione sottratta alla Triestina e i playoff sfuggiti all’ultimo istante

Pordenone: Tesser (confermato) – Dieci anni fa il montebellunese classe 1958 siglava col Novara l’impresa accarezzata in neroverde qualche settimana fa

Reggiana: Alvini (confermato) – Il 50enne concittadino di Montanelli prova a emulare Sarri col trampolino di un’inattesa promozione che ha riconsegnato al tifo granata dopo 21 anni la Serie B

Reggina: Toscano (confermato) – Il 50enne specialista della Terza Serie prova a farsi valere in una categoria che non l’ha visto incidere con Avellino e Ternana

Salernitana: Castori (Ventura) – La gavetta è la nota di merito del marchigiano classe 1954: cinque anni fa l’epica fatta al Carpi, ora mille panchine e la sesta longevità della storia della Serie B

Spal: Marino (Di Biagio) – La promozione al Catania rese il classe 1962 siciliano emergente: l’ottavo tentativo può valere il rilancio annusato a Frosinone e Vicenza

Vicenza: Di Carlo (confermato) – Per il ciociaro classe 1963 la promozione palladiana, certificata dalla difesa ferrea, regala spolvero a una carriera caratterizzata dalle annate al Mantova

Virtus Entella: Tedino (Boscaglia) – Per il classe 1964 friulano quella di Chiavari è la seconda opportunità in Serie B dopo un Palermo sgonfiatosi al titolo invernale

Venezia: Zanetti (Dionisi) – Guidare la squadra del capoluogo è la scossa che al classe 1982 occorre per definirsi ancor più rampante dopo le secche picene

Antonio Sorrentino

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Antonio Sorrentino
Antonio Sorrentino
Antonio Sorrentino, Umanista e storico di calcio. Collaboro con Monza-News dal 2014: ho iniziato dalla Berretti e poco dopo mi sono ritrovato operativo in Tribuna Stampa a raccontare le gesta della Prima Squadra. Nel corso degli anni ho presentato avversari e turni, aggiornando risultati e statistiche. Dal 2018 ho cominciato a scrivere sulla carta stampata (Giornale di Monza e testate Netweek) Collaboro con Sprint e Sport. Altre passioni: leggere noir, scrivere canzoni e collezionare Subbuteo. Il motto: «Rotola», perché come l'acqua, l'amore è la nebbia il calcio si rinnova. Giri la pagina e ci sono altre partite: il calcio è emozione immediata, ma richiede senso critico perché possa essere memoria dell’Agorà. C'è strada sotto le scarpe, le luci dell' U-Power Stadium sono accese: scambio di gagliardetti.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO