martedì, Novembre 29, 2022
HomeAC MonzaL'ex Asta sul Monza: 'Non aver centrato neppure la finale è una...

L’ex Asta sul Monza: ‘Non aver centrato neppure la finale è una grande delusione’

- Advertisement -

L’ex mister e calciatore del Monza Antonino Asta ha espresso le sue opinioni sui playoff di B in corso, con la delusione delle sue due ex squadre, brianzoli e Lecce. Le dichiarazioni a Tmw:

Lecce e Monza le grandi deluse del campionato cadetto: in estrema sintesi, analisi corretta della stagione a suo parere?
“Il Lecce e il Monza, insieme a Empoli e SPAL, erano le più accreditate alla vittoria finale, intendo senza neppure passare dai playoff, ma essendoci solo due posti in ballo per la promozione diretta, almeno di vedere Lecce e Monza in finale playoff me lo sarei aspettato: l’Empoli ha fatto un cammino straordinario, la Salernitana una sorta di miracolo, per le altre c’è stata tanta delusione. Nonostante poi fossero rose di un certo calibro, sia a livello numerico che di qualità, strutturate anche con budget elevati. Ovviamente vanno tanti meriti a Venezia e Cittadella, ma qualche demerito da parte di Monza e Lecce probabilmente c’è: qualcosa non ha quadrato”.

Si può parlare di fallimento?
“Parlare di fallimento no, non è mai bello. Soprattutto quando si tratta di società che hanno le potenzialità per ripartire alla grande”.

Il Monza, però, aveva già fatto in grande: una rosa forse più adatta alla A che alla Serie B.
“Il Monza ci riproverà sicuramente, ma proprio per l’organico avuto avrebbe dovuto vincere già questo anno: se sei forte, e nettamente più degli altri, devi vincere, specie se ti trovi in una categoria sotto a quella che, per potenziale, potresti fare. I valori, quando ci sono, si devono vedere. Anche se comunque credo che per i brianzoli la delusione più grande è non essere neppure approdati in finale: perdere una finale ci stava, non avere neppure l’opportunità di giocarla no”.

Il Lecce può invece aver pagato lo scotto della retrocessione, come accaduto lo scorso anno all’Empoli?
“Negli ultimi anni almeno una delle retrocesse è sempre riuscita a tornare in A, anche perché con il paracadute si può fare un mercato di un certo tipo, ma vincere non è mai scontato, perché non basta una rosa di alto livello, serve anche continuità, è quella che ti dà la forza. E in tal senso, come ha insegnato l’Empoli, anche i pareggi sono importanti, perché a lungo andare sommano punti: e in B non si è mai morti, c’è da lottare fino in fondo”.

fonte: Tuttomercatoweb

ACQUISTA IL LIBRO SULLA STORIA DEL MONZA A PREZZO SCONTATO: CLICCA QUI

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NOTIZIE: CLICCA QUI

CONDIVI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

Sandro Coppola
Sandro Coppola
Sandro Coppola. Collaboro dal maggio 2014 per la testata Monza-News.it, arrivando a produrre più di 6000 articoli nel complesso. Sono attivo inoltre, a partire da fine 2018, per Football Wikiscout, una pagina calcistica presente su Facebook, Twitter ed Instagram di analisi, statistiche ed approfondimenti sul mondo del calcio. Alcuni dei miei pezzi vengono poi utilizzati dal sito Football Scouting.it. Dal 2012 mi diletto inoltre come dirigente o collaboratore esterno per società calcistiche dilettantistiche del lecchese e monzese. Seguo il Monza da 25 anni ma amo il mondo pallonaro in generale dall'infanzia e sono affascinato dalla cultura calcistica olandese. Appassionato anche di tennis, hockey roller e volley, sci alpino, non disdegnando il basket europeo e Nba.

CERCA NEL SITO

ULTIMI ARTICOLI:

MONZA CALCIO