x

x

Lo sfratto più clamoroso del mondo, Marta Fascina lascia Villa San Martino? Ecco la risposta

Uno dei tanti nodi del testamento di Silvio Berlusconi

Scritto da Paolo Oggioni  | 
Marta Fascina con i figli di Silvio Berlusconi al suo funerale

90 giorni per liberare casa. Quanti inquilini si sono visti arrivare dal proprietario di casa una lettera di sfratto riassumibile con queste poche parole? Ebbene, anche se nel caso in questione, probabilmente, i termini saranno altri, nella sostanza anche Marta Fascina, l'ultima donna di Silvio Berlusconi, dovrà lasciare Villa San Martino entro l'autunno.

I figli, infatti, vorrebbero trasformare la casa più famosa di Arcore in un museo da dedicare all'illustre padre. Marta, che ha ricevuto in eredità un legato da 100 milioni di euro, dovrà letteralmente sgomberare cassetti e armadi per trovare un'altra soluzione abitativa.

Certo, denaro alla mano non le dovrebbe essere particolarmente difficile, ma la notizia ha comunque del clamoroso sebbene sia apparentemente giustificata dalla legge. La Fascina non è erede diretta, di conseguenza è tenuta a lasciare la casa, così come il padre, che ne è attualmente un abitante. 

Volendo andare a un contenzioso legale, però, Marta potrebbe allungare la sua permanenza fino al 2026, sfruttando il passaggio della convivenza di fatto della legge Cirinnà del 2016, che istituì le unioni civili fra persone dello stesso sesso, tutelando il diritto all'abitazione del convivente.

Insomma, un iter che, immaginiamo, nessuno voglia percorrere, soprattutto nel rispetto della memoria di Silvio Berlusconi. In serata fonti vicine alla famiglia di Silvio Berlusconi fanno sapere che "non hanno alcun fondamento voci di stampa relative a presunte prese di posizione nei confronti di Marta Fascina, con la quale i rapporti sono eccellenti". Non ci sarebbe nessuno 'sfratto' dunque da Villa San Martino di Marta Fascina, che negli ultimi anni ha abitato nella villa di Arcore insieme a Silvio Berlusconi come hanno ventilato alcune  indiscrezioni di stampa