x

x

Primavera Monza - I ragazzi di Lupi sono puniti da un Albinoleffe alquanto cinico

Scritto da Antonio Sorrentino  | 
Albinoleffe - Monza 4-1 (2-0) Marcatori: 8' Freri (A), 16' Bettoni (A), 13' st Angeloni (A), 22' st Dos Reis Muniz (M), 23' st Toma (A). Albinoleffe: Pratelli, Freri, Castellani, Bettoni (34' st Speroni), Zambelli, Vinzioli (24' st Ghilardi), Concas (34' st Balestra), Stingaciu (16' st Pozzi), Angeloni, Toma, Barcella (24' st Grassia). All. Maffioletti. A disposizione: Giroletti, Portolesi, Scola, Moretto. Monza: Mazza, Kassana, Pedrazzini, Colombo, D'Aietti (13' st Bianay), Formenti, Dell'acqua (28' st Beretta), Lupinetti (28' st Canato), Dos Reis Muniz, Ferraris (39' st Goffi), Marras (1' st La Torre). All. Lupi. A disposizione: Vergani, Fossati, Arpino, Agostini, Vacca, Orlando, Gittini. Arbitro: Sig. De Angeli (Paggiola - Tomasi) Ammoniti: Bettoni, Zambelli (A); Marras (M). Partita difficile per i ragazzi di Lupi che non sfruttano le tante occasioni create e pagano diverse disattenzioni sui calci piazzati. Da una punizione laterale arriva il primo gol dell’Albinoleffe che, dopo una serie di contrasti, finalizza con Freri e si porta in vantaggio. Al 15’ in ripartenza Bettoni calcia in porta maldestramente, ma tanto basta per infilare Mazza. È assalto del Monza che però non concretizza e non riesce a battere il classe 2002 Pratelli, sceso dalla prima squadra, prima con Ferraris, poi con Dos Reis e infine con Pedrazzini che tentenna troppo prima di calciare in porta. Al terzo minuto del secondo tempo Dell’Acqua serve ottimamente La Torre che si trova davanti al portiere, ancora una volta puntuale. Al 12’ i biancorossi rimangono in 10 per qualche istante a causa di un infortunio: nel corner seguente Angeloni, libero di calciare, realizza il 3-0. Il gol dei monzesi arriva al 21’ con una splendida azione corale che parte ancora una volta dai piedi di Dell’Acqua che di prima serve Bianay, il quale mette in mezzo una palla perfetta per Dos Reis: il numero 9 ha soltanto il compito di insaccare a porta vuota. Il definitivo 4-1 dei locali è viziato da un evidente fallo, non ravvisato dall’arbitro, che consente a Toma di trovarsi a tu per tu con Mazza e il portiere brianzolo non può evitare il gol. Partita difficile anche per via delle tante assenze (Abbenante, Nobile e capitan Prinelli), ma ciò non deve essere un alibi. I giovani biancorossi, ora al quinto posto, affronteranno nel prossimo turno il Pordenone, reduce da una pesante sconfitta contro il Venezia (0-4). Cronaca a cura di Davide Polinori