x

x

Calcio Lecco
Calcio Lecco

Il Lecco si sta preparando in vista del match casalingo col Cittadella, un incontro da vincere a tutti i costi per tenere accesa la flebile speranza di salvezza. Intanto il patron Di Nunno, delusissimo dal comportamento della squadra, ha ribadito la volontà di voler vendere il club a fine stagione. Il feeling tra la proprietà e i tifosi è finito tanto che i supporter lecchesi, presenti in 200 ad Ascoli, hanno esposto striscioni contro la società e cantato cori con lo slogan "Di Nunno vattene" e via dicendo. Il patron ha detto chiaramente che "apre alla cessione del Lecco solo a persone serie che hanno un progetto".

Lecco in mano cinese?

 Secondo quanto riporta LeccoChannelNews in merito alla possibile cessione della società nelle mani del patron Paolo Leonardo Di Nunno: sfumata la trattativa con Brera Holding, l’amministratore delegato ha comunque ricevuto più di un interessamento. Particolarmente concreto è quello di Alex Lin, Ceo di China Telecom e presidente di quella Skyland Group che, attraverso la controllata Skyland Energy, nell'estate del 2023 ha sottoscritto un accordo di sponsorizzazione triennale con l’Inter in qualità di Official Solar Energy Partner per una cifra di 10 milioni di euro. Secondo quanto raccolto da lcnsport.it, il businessman cinese cresciuto in Italia da qualche giorno sta trattando con l’imprenditore pugliese e sono previsti nuovi aggiornamenti tra le parti. 

Lecco riscaldamento

Ma che cos’è Skyland Energy? 

Come riporta "aprovinciaunicatv.it" Paolo Di Nunno non ha ancora pagato i lavori allo stadio. Non tutti, almeno. Per cui la cifra totale sarà ridotta in base alla cifra in conto stadio da scalare dal totale. Ma che cos’è Skyland Energy? A spiegarlo è la stessa azienda energetica impegnata nel solare, al momento della sponsorship con l’Inter di Milano annunciata lo scorso maggio: “Skyland Energy, brand leader nel settore delle energie rinnovabili e che offre impianti fotovoltaici di ultima generazione, ha scelto l’Inter per fare il proprio ingresso nel mondo del calcio, riconoscendo nel brand nerazzurro gli stessi valori e obiettivi in ambito di innovazione e sostenibilità – prosegue la nota -. La partnership con l’Inter permetterà loro di poter contare sull’ampia fanbase del Club e sulla grande visibilità che il brand nerazzurro offre: il marchio Skyland sarà presente allo stadio San Siro, sul maxi schermo e sui Led a bordocampo durante tutte le partite casalinghe di Campionato e Coppa Italia”. L’accordo con l’azienda cinese e quella nerazzurra varrà fino al 2026 e pertanto non si può certo dire che non sia già impegnata a fondo nel sostenere una società calcistica. Ma quale concretezza c’è dietro questa possibile operazione? Sempre da Cormano ambienti vicini alla presidenza fanno sapere che non c’è nessuna previsione. “Vedremo in base alla disponibilità a valutare un’offerta congrua da parte del Ceo di Skyland Energy”. Insomma, tutto da scrivere. Ma l’interessamento, che avevamo già annunciato “sotto copertura” scorsa settimana, si è finalmente palesato. E non è il solo, visto che rimane valida l’opzione legata sempre all’industria ma non dei pannelli solari, bensì del “ferro”. Ci si chiede, però, come mai una società prossima alla serie C stia smuovendo tanto interesse. E la risposta non può che essere una: grazie alla serie B, alla televisione, si è scoperto come la piazza di Lecco sia pronta per palcoscenici che non siano solamente quelli “regionali” della terza serie.

E come una provincia ricca come la nostra, possa creare occasioni di “sistema”, come ci aveva suggerito l’economista de “Il Sole 24 Ore” Marco Bellinazzo. Profetiche le sue parole: “La capacità di creare reti di sistema con gli eventuali interessati ad acquisire la società sarà decisiva per il futuro del Lecco”. Detto, fatto. Semmai l’azienda cinese volesse davvero entrare nel Lecco è per guadagnare fette di mercato ulteriori e fare accordi locali sulle nuove tecnologie. Lecco è una “dependance” di Milano, in senso turistico ed economico. E che la Skyland sia sponsor dell’Inter e voglia entrare nel Lecco potrebbe essere fare “due più due”.

Come vedere Monza una città da serie A ogni lunedì 

Monza una città da serie A”, la trasmissione prodotta da Monza-News e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi, tornerà come ogni settimana lunedì prossimo. La trasmissione andrà in diretta dalle ore 21 sul canale 110 in Lombardia sul digitale terrestre, in tutta Italia e in tutta Europa su Sky sul canale 890 e in streaming ovunque sui canali di Facebook di Monza-News, sul nostro canale Youtube, su Instagram, su Twitch e sui canali Linkedin del nostro direttore. A breve sarà comunicato l'elenco degli ospiti in studio.  

Come commentare i temi di Monza una città da serie A 

Ma come commentare i temi trattati durante la trasmissione di “Monza una città da serie A”? E' molto semplice: basta collegarsi alla pagina Facebook di Monza-News o sul canale Youtube del nostro giornale e scrivere la propria opinione durante la trasmissione prodotta dal nostro sito e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi. Non è possibile, almeno per il momento, commentare la diretta su Instagram. Per ospitare la trasmissione nel proprio locale o nella propria azienda è necessario mandare una mail a: [email protected] 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi