x

x

Cesena Primavera
Cesena Primavera

Arriva un verdetto importante dal Campionato Primavera 2, infatti col 4-0 rifilato al Bari, il Cesena è matematicamente promosso in Primavera 1. La formazione bianconera ha trionfato complice anche il pareggio del Benevento contro lo Spezia (2-2). La squadra di casa ha chiuso la pratica già nel primo tempo, chiuso 3-0 con le reti di Amadori (doppietta) e Coveri. Di Perini, nella ripresa, il gol del definitivo 4-0. I romagnoli, quindi, sono la seconda squadra promossa dopo la Cremonese  in Primavera 1. Una stagione dominata e trascorsa interamente in testa alla classifica nonostante un periodo di flessione a metà stagione. Un'annata sicuramente da ricordare per mister Campedelli, che ha gestito benissimo un gruppo di ragazzi forti e di prospettiva portandolo al successo, festeggiando così la promozione nel campionato Primavera 1.

Prima soddisfazione per Colacone

Prima soddisfazione per Roberto Colacone che nel luglio 2023 ha assunto l'incarico di responsabile del settore giovanile  bianconero fino al 30 giugno 2025.

Colacone, ex attaccante da 116 reti in 521 presenze tra i professionisti, da calciatore ha indossato sedici maglie diverse, tra cui quelle di Como, Ascoli, Genoa e Monza dove nel 2016 passò dal campo alla scrivania, iniziando la carriera di dirigente. Nella società brianzola ricoprì il ruolo di coordinatore, nella prima stagione, e di responsabile del settore giovanile, nelle successive sei, l’ultima delle quali, coronata dalla promozione in Primavera 1. L'estate scorsa Colacone è passato al Cesena raccogliendo l’eredità lasciata da Davor Jozic che aveva rivestito questo ruolo dal 2019 fino giugno 2023.

Le parole dell'ex biancorosso

Colacone
Robeto Colacone

Colacone, poco prima della promozione della Primavera aveva parlato ai microfoni di vivomodena.it dove ha raccontato cosa lo ha spinto a diventare un responsabile del Settore Giovanile:
“E’ nato un po’ tutto per caso. Ero più indirizzato verso il mondo delle prime squadre, e iniziai questo percorso a Monza con l’allora direttore sportivo Filippo Antonelli. Quando c’è di mezzo un fallimento, però, perdi tutti i giocatori anche del Settore Giovanile. E dal secondo anno mi chiese di dare una mano a ricostruirlo. Appena entri in questo mondo, ti accorgi di quanto sia vasto, oltre che di tutti quegli aspetti che da calciatore non avevo notato. Pian piano ho ricostruito il Settore Giovanile del Monza e mi sono appassionato molto, tant’è che ho deciso di continuare la mia carriera lavorando con i giovani. Dopo otto anni è finita l’esperienza a Monza e ho deciso di cominciare la mia nuova avventura a Cesena. E direi che mi sto trovando molto bene.”

Queste le parole dell'ex biancorosso in merito al suo lavoro a Cesena:"Dall'Under 9 alla Primavera, siamo focalizzati sulla nostra regione - ha proseguito Colacone - con l'obiettivo di formare dei gruppi in grado di crescere insieme e proseguire il proprio percorso nelle varie categorie. Ed è chiaro che puntare sui talenti nostrani, mossi e responsabilizzati da valori che vanno oltre il gioco, è per noi un grande vantaggio, che ci consente di creare fidelizzazione e alimentare un senso di appartenenza già sufficientemente manifesto. Per questo motivo la società predilige calciatori di casa, rispetto a eventuali o possibili investimenti su ragazzi fuori regione. Così come riteniamo sia molto importante che negli staff delle squadre giovanili siano presenti ex calciatori del Cesena in grado di trasmettere qualcosa che superi l'aspetto tecnico".

"Le vittorie gratificano e danno valore al lavoro di tutto il club - ha sottolineato Colacone - ma non sono l'obiettivo che inseguiamo a ogni costo. Vogliamo essere competitivi e avere la possibilità di misurare i nostri ragazzi a un livello importante. Nei campionati nazionali giovanili organizzati dalla Federazione, che sono un'ottima opportunità formativa e performante, stiamo andando bene in ogni categoria, soprattutto nell'Under 15, e riteniamo di poter raggiungere i play off con tre squadre su tre. Inoltre, nell'ottica della crescita dei nostri calciatori, è fondamentale l'attenzione posta dai vertici della società e il fatto che il direttore sportivo Artico venga a osservare anche le gare dell’attività di base, rappresenta uno stimolo per l'intero settore giovanile".

Come vedere Monza una città da serie A ogni lunedì 

Monza una città da serie A”, la trasmissione prodotta da Monza-News e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi, tornerà come ogni settimana lunedì prossimo. La trasmissione andrà in diretta dalle ore 21 sul canale 110 in Lombardia sul digitale terrestre, in tutta Italia e in tutta Europa su Sky sul canale 890 e in streaming ovunque sui canali di Facebook di Monza-News, sul nostro canale Youtube, su Instagram, su Twitch e sui canali Linkedin del nostro direttore. A breve sarà comunicato l'elenco degli ospiti in studio.  

Come commentare i temi di Monza una città da serie A 

Ma come commentare i temi trattati durante la trasmissione di “Monza una città da serie A”? E' molto semplice: basta collegarsi alla pagina Facebook di Monza-News o sul canale Youtube del nostro giornale e scrivere la propria opinione durante la trasmissione prodotta dal nostro sito e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi. Non è possibile, almeno per il momento, commentare la diretta su Instagram. Per ospitare la trasmissione nel proprio locale o nella propria azienda è necessario mandare una mail a: [email protected] 

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi