x

x

Torna il pericolo blatte in Brianza
Torna il pericolo blatte in Brianza

Torna il caldo e, così come l'anno scorso, le blatte cominciano a farsi spazio nelle nostre città. In Brianza, le segnalazioni sono già arrivate a Biassono e a Vedano. La scena del film “Siccità”, di Paolo Virzì, con gli orribili insetti che uscivano dagli scarichi domestici è forse eccessiva. Di sicuro, però, questi animali proliferano con il clima caldo e umido

Un'accurata disinfestazione, visto la lentezza con cui si sviluppano, dai 6 mesi ai 3 anni, dovrebbe risolvere il problema, ma, evidentemente non è detto che questa venga effettuata. I motivi? Sempre gli stessi, mancanza di fondi.

Ecco allora che ci dovremmo industriare e quale modo migliore per farlo se non rubando qualche segreto alle nostre nonne? Oltre ai prodotti che troviamo in commercio, spesso nocivi per l'ambiente, possiamo avvalerci di quelli che ci mette a disposizione la natura

In particolare, proponiamo due modalità per cercare di sconfiggerle. Per applicare la prima ci serviranno una cipolla e del bicarbonato. Taglieremo la prima a pezzotti, per poi spolverarla abbondantemente. Posizioniamo questi bocconcini in tutte quelle zone che potrebbero essere interessate dalla blatte, sia in giardino che in casa. Queste saranno conquistate dal profumo della cipolla, ma, una volta inghiottito il pezzo, nel loro stomaco avrà l'effetto di una bomba, per i gas che si formeranno. Un modo un po' crudo, ma davvero efficace.

Per il secondo, invece, ci possiamo avvalere dell'aglio. Mettiamo a bollire un litro di acqua e lasciamo macerare un paio di spicchi fino a quando la soluzione ottenuta non si sarà raffreddata. Quindi andiamo a spruzzarla nei luoghi in cui riteniamo che le blatte possano presentarsi. Inoltre, questo liquido può essere utilizzato anche per il nostro orto, in particolare sulle foglie di basilico, melanzane e rose per allontanare gli afidi.

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi