x

x

Massimo Oddo
Massimo Oddo

Colpo di scena in Serie C infatti il Calcio Padova ha comunicato di aver ha sollevato dall'incarico il tecnico della prima squadra Vincenzo Torrente e, contestualmente,  ha comunicato che l'ex biancorosso Massimo Oddo ha sottoscritto un accordo come Allenatore Responsabile della Prima Squadra, sino al termine della stagione corrente. Per Oddo si tratta di un ritorno nel club veneto, che aveva guidato prima della parentesi targata Spal l'anno scorso. Il 24 febbraio 2022 venne chiamato dal Padova, in Serie C, in sostituzione dell'esonerato Massimo Pavane, debuttando sulla panchina patavina tre giorni dopo, con un successo 2-1 sulla Pro Sesto. Il 6 aprile vinse la Coppa Italia Serie C, battendo 1-0 il Südtirol nella decisiva finale di ritorno giocata a Bolzano e conquista così il suo primo trofeo da allenatore dopo la promozione in A col Pescara anni prima. Dopo aver chiuso la stagione regolare al secondo posto nel proprio girone, alle spalle dei succitati bolzanini, nei play-off guidò i biancoscudati fino alla finale per la promozione, persa nella doppia sfida contro il Palermo. Lasciò il club al termine della stagione, tornando a fare l'opinionista per Prime Video prima di trovare lavoro alla Spal.  

Oddo è già carico: “ possiamo andare fino in fondo”

 La seconda esperienza di Massimo Oddo sulla panchina del Padova inizia con tanta motivazione e il desiderio di fare la storia in una piazza che dopo i pochi mesi alla guida nel 2022, gli è rimasta nel cuore. Ecco le prime parole del tecnico: "Ci tengo a dire che sono contento di essere tornato e di avere un'altra opportunità in questa piazza. Conosco tutti e ci tengo a ricordare Andrea Moretto, il collega scomparso di Telenuovo. Sono estremamente contento di essere qui perché sono convinto che nel momento in cui il direttore mi ha chiamato la fiammella si è accesa subito e le motivazioni me le danno il materiale a disposizione della squadra che conosco bene. Ho seguito il Padova e penso che sia una squadra con cui ci si può divertire e possa arrivare in fondo. C'è un playoff da disputare, sappiamo quanto può essere difficile, ma la voglia e l'entusiamo ci sono. Trasmettere queste sensazioni alla squadra sarà il mio compito. Paragoni con la rosa di due anni fa? Non penso al passato, questa è una squadra forte e che può fare bene. Con criteri in linea con la mia idea di calcio. Sono già entrato in corsa in altre situazioni, ma non c'era la stessa fiammella di oggi. Sento motivazioni dal momento in cui è squillato il telefono ed è comparso il nome del direttore sportivo. Sono convinto di poter fare un buon lavoro qui. Perché due anni fa non sono rimasto? Tutto diverso. Ora c'è una squadra, al tempo non c'era una lista di giocatori e una situazione dopo la finale playoff persa di fila. Il presidente non si era esposto sulla programmazione e contratti in essere pesanti. Non c'era chiarezza e in quel momento non avevo l'entusiasmo di oggi guardando la rosa. È stata una scelta di rispetto nei confronti della piazza e tifosi, non di rifiuto. C'era grande delusione e non era il momento giusto. Da oggi entrerò in ballo e farò le mie scelte. Le partite decisive poi si vincono o si perdono. Io non parlo mai di fallimento, nel calcio una vince e una perde. Quello che è stato in precedenza non lo so, ma ho delle certezze nella mia testa conoscendo la squadra. Conosco tutti i giocatori, tre ne ho pure allenati, ma una linea in testa ce l'ho e spero siano idee giuste per la squadra".

La cena con il direttore Massimiliano Mirabelli, subito la riorganizzazione di una squadra comunque al secondo posto in classifica a soli tre punti dalla certezza di disputare i play-off entrando in scena al secondo turno nazionale: "Vogliamo vincere, indubbio. Se una società cambia un allenatore dopo 70 punti e il secondo posto in classifica è perché immagino ci sia bisogno. Il rinnovo? Non mi interessa. Con Mirabelli e la società ci conosciamo e non c'è bisogno di nulla. Io sono qui per un unico obiettivo: vincere i playoff. Il ritiro di Lens di due anni fa? In quel caso aspettammo 3 settimane prima di rientrare in campo. Cercheremo di fare qualche amichevole in questo periodo, facendo partite di livello per arrivare preparati. Il ritiro di Lens non c'entrò nulla. Quella squadra era più "vecchiotta" e non ebbi alcun tipo di problema a livello fisico, nonostante alcuni giocatori con problemi cronici. Finito il campionato la squadra si fermò, ci furono anche questioni mentali e poi fisiche. Ricordo i problemi fisici di Ronaldo e Jelenic, ad esempio. Questa squadra è giovane e da quello che mi dicono ha tanta fame e voglia di arrivare agli obiettivi. Quando c'è una squadra giovane con cui poter lavorare fisicamente è un'ottima base su cui partire. Tatticamente, in linea di massima, ho le idee abbastanza chiare. In questo momento c'è un obiettivo diverso: manteniamo il secondo posto e poi prepariamo i playoff. Queste tre partite servono per creare mentalità e sono importanti per questo motivo. Non sono tornato a Padova per rivalsa o voglia di rivincita. Nel 2022 era un altro campionato e un'altra squadra. Le uniche cose uguali sono lo stadio e i tifosi. Un cerchio che si chiude quest'esperienza? È quello che ci si aspetta, ma il mio unico obiettivo è quello di vincere. Venire qui per 3 mesi, senza nessun tipo di "protezione" significa che abbiamo solo un unico obiettivo. Vengo con il vice Donatelli. La coesistenza tra Crisetig e Radrezza? Si può avere anche un trequartista che corre. Tutto è possibile nel calcio. In questo momento ho le idee chiare e solo il tempo mi dirà se saranno corrette. L'interpretazione è quella che conta. Anni fa Liedholm diceva "io li ho messi con il 4-4-2, poi i ragazzi si sono mossi". Mettere i giocatori nelle migliori condizioni è la cosa più importante".

Oddo protagonista a Monza

Oddo
Oddo a Monza

Oddo iniziò a giocare nelle giovanili della Renato Curi, con cui ha vinto il Campionato Allievi Dilettanti. Dopo aver disputato anche 3 partite con la prima squadra nel Campionato Nazionale Dilettanti 1992-1993, nel 1993, a 17 anni, è passato nelle giovanili del Milan. Nel 1995, dopo due anni nella Primavera rossonera, il Milan lo ha ceduto in prestito al Fiorenzuola, in C1, dove Oddo ha esordito tra i professionisti. Negli anni successivi ha giocato, sempre in prestito e sempre nella stessa serie, nel Monza, nel Prato e infine nel Lecco. Nel 1998 tornò nuovamente in prestito al Monza, facendo il suo esordito in Serie B sotto gli ordini di mister Frosio collezionando 30 presenze e segnando 4 gol, tutti su punizione. Monza fu il suo trampolino che lo portò prima in Serie A e poi in Nazionale con la quale si è laureato campione del Mondo nel 2006.

Come vedere Monza una città da serie A ogni lunedì 

Monza una città da serie A”, la trasmissione prodotta da Monza-News e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi, tornerà come ogni settimana lunedì prossimo. La trasmissione andrà in diretta dalle ore 21 sul canale 110 in Lombardia sul digitale terrestre, in tutta Italia e in tutta Europa su Sky sul canale 890 e in streaming ovunque sui canali di Facebook di Monza-News, sul nostro canale Youtube, su Instagram, su Twitch e sui canali Linkedin del nostro direttore. A breve sarà comunicato l'elenco degli ospiti in studio.  

Come commentare i temi di Monza una città da serie A 

Ma come commentare i temi trattati durante la trasmissione di “Monza una città da serie A”? E' molto semplice: basta collegarsi alla pagina Facebook di Monza-News o sul canale Youtube del nostro giornale e scrivere la propria opinione durante la trasmissione prodotta dal nostro sito e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi. Non è possibile, almeno per il momento, commentare la diretta su Instagram. Per ospitare la trasmissione nel proprio locale o nella propria azienda è necessario mandare una mail a: [email protected] 
 

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi