x

x

Passo e chiudo - Mapo: 'In casa l'artista è mio padre, questa società ha riacceso la passione'

Scritto da Gabriele Passoni  | 

Monza. Abbiamo incontrato Carlo Alberto Maria Mapelli, in arte Mapo, il cantautore del brano "Davvero" dedicato al Calcio Monza, che ci ha parlato della sua passione per l'arte e i colori biancorossi.

https://www.youtube.com/watch?v=xiiIbKJtAHs&t=3s

Qual è il tuo sport preferito e quali hai praticato o pratichi?

“Il mio sport preferito è il calcio, ma mi appassiona tutto ciò che è competizione. Faccio regolarmente palestra e occasionalmente nuoto.”

Quando è iniziata la tua passione per il Monza?

“La primissima partita che vidi fu con mio papà nel lontano 1980, allora era il Monza chiamato Borussia di Brianza. Da lì, prima con mio papà e mio zio e poi da solo cominciai a seguirlo assiduamente. Ricordo ancora la mia prima trasferta tutto solo a Pavia 1988 avevo 14 anni”.

Come è nata la canzone "Davvero"?

“Per quanto riguarda la canzone Davvero, all’inizio avevo già musica e le parole delle strofe, mi mancava un ritornello. Successe che gli amici del gruppo Ronco, con i quali frequento la curva che mi chiesero di scrivere una canzone per il gruppo, aggiunsi qualche parola e il ritornello. Fondamentalmente è una canzone d’amore.”

Hai qualche nuovo progetto?

“Prossimamente insieme ad un collaboratore di Monza News andremo a realizzare il video clip di Davvero. Comporre canzoni per ora mi esce naturale.”

Anche tuo padre è un artista: è un vizio di famiglia allora...

“Mio papà Santino e' il vero artista. Ricordo che da piccolo mi mettevo di fianco a lui e cercavo di imitarlo guardandolo mentre dipingeva. Fu così che mi trasmise la passione per la pittura e l’arte in generale. Mi iscrissi in seguito alla scuola d’arte. Ha già fatto diverse esposizioni. Con lui continuo a condividere la passione per il Monza; inoltre negli anni 60 giocò nelle giovanili del Como e come compagno ebbe niente di meno che un giovanissimo Gigi Meroni”

Come vedi questo Monza?

“Sarà sicuramente tra le protagoniste di questo campionato, anche se per la promozione sarà veramente una lotta agguerrita Non sarà facile ma ora la società è solida e determinata“.

Quanto ti manca lo stadio?

"Mi manca lo stadio come a tutti, mi manca il fatto di respirare l’aria della partita e condividere gioie emozioni con gli amici e i tifosi della curva."

Sei membro del Monza Club Sanfruttuoso, cosa ha di speciale questo club?

Sono membro del Monza club San fruttuoso, in quanto abito a 50 m dalla sede dell’associazione. Sono nato e cresciuto a San fruttuoso e per questo quartiere la nascita di questo club non è stata solamente la conseguenza di una passione sportiva, ma anche un’occasione per riunire la comunità stessa."

Cosa vuoi dire ai giovani sportivi e tifosi che si affacciano a questo sport?

"Grazie a questa nuova società e queste dichiarate ambizioni, finalmente si è accesa o riaccesa per tanti, una passione da tempo sopita o soffocata. L’avvicendamento di nuovi tifosi giovani o meno è sicuramente un fatto positivo. Sicuramente impareranno ad amare questi colori sia nelle buone e le cattive sorti."

Gabriele Passoni