x

x

Venerdì 8 marzo non sarà solo il giorno della festa della donna, ma anche quello di uno sciopero generale che interesserà tutti i settori lavorativi, pubblici e privati, cooperativi e autonomi. Lo sciopero, come riporta il portale del ministero dei trasporti, è stato indetto da Slai Cobas e ha ricevuto l'adesione di altre sigle sindacali, tra cui Usb, Cub e Adl Cobas. L'obiettivo è quello di rivendicare maggiori diritti e tutele per i lavoratori, in particolare per le donne, che ancora oggi subiscono discriminazioni e disparità salariali, oltre che violenze e soprusi.

I trasporti a rischio

La protesta nazionale avrà ripercussioni anche sui trasporti, con possibili disagi per i pendolari e i viaggiatori. I ferrovieri potranno incrociare le braccia dalla mezzanotte alle 21, mentre i lavoratori del Tpl potranno astenersi dal lavoro per "24 ore con modalità territoriali". Nella lunga lista di sigle che hanno aderito all'agitazione generale ci sono anche i lavoratori di Autostrade. I mezzi Atm e i treni Trenord potrebbero quindi fermarsi per tutta la giornata, con l'eccezione delle fasce di garanzia, previste dalla legge, in cui la circolazione dei mezzi è assicurata.

Le reazioni delle istituzioni e delle associazioni

Sciopero Brianza

Lo sciopero generale dell'8 marzo ha suscitato diverse reazioni da parte delle istituzioni e delle associazioni. Il governo ha espresso la sua vicinanza ai lavoratori e alle lavoratrici, ribadendo il suo impegno per garantire più equità e sicurezza sul lavoro. Allo stesso tempo, ha invitato i sindacati a un confronto costruttivo e a evitare di creare ulteriori difficoltà ai cittadini, già provati dalla crisi economica e sanitaria. Le associazioni dei consumatori e dei pendolari hanno invece criticato lo sciopero, definendolo inopportuno e dannoso, e hanno chiesto ai trasportatori di garantire i servizi essenziali. Infine, le organizzazioni femministe hanno espresso il loro sostegno alla protesta, sottolineando l'importanza di una mobilitazione unitaria e trasversale per difendere i diritti delle donne.

LEGGI ALTRO

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi