x

x

Sampdoria - Monza, Giampaolo: 'Vincere è una necessità, mi aspetto un avversario in fiducia. Tutti recuperati tranne Winks'

Scritto da Sandro Coppola  | 

Il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo ha parlato alla vigilia della sfida Sampdoria - Monza: "La squadra ha lavorato bene, come sempre. Chi è rimasto a Genova lo ha fatto più che bene. Chi era in nazionale si è ripresentato bene e sono pronti per giocare una grande partita. Mi aspetto innanzitutto è una squadra che dopo la vittoria con la Juventus ha trovato fiducia. Ha cambiato allenatore da prima della gara contro i bianconeri. Cercherà di proporre qualcosa di diverso, ma si vede che la strada che vuol percorrere è di un certo tipo. Abbiamo preparato la gara, siamo pronti". "Gabbiadini sta sempre meglio, la convocazione in Nazionale gli ha fornito una bella iniezione di fiducia. Sulla professionalità non ci sono dubbi, sta meglio ed è a disposizione. Con Caprari e Sensi ho avuto un ottimo rapporto. Sensi è un ragazzo intelligente oltre ad essere un giocatore con buone qualità. Di Caprari ne ho parlato sempre in maniera positiva. Quando era alla Samp era in procinto di essere ceduto e litigavo col presidente perché lo ritenevo un crack. Era un giocatore che, a mio avviso, doveva fare un ultimo step e acquisire consapevolezza che ha fatto. Quando siamo andati con l'Hellas, Caprari poteva avere un comportamento migliore ma non dal punto di vista tecnico perché ci sta che fai di tutto per segnare per una maglia. Sul piano dei rapporti mi sarei aspettato un comportamento diverso ma questa cosa esula dal campo. Sull'esultanza? E' legittima l'esultanza. Aveva del risentimento nei confronti di qualcuno non so per quali motivi. Quando è andato via dalla Samp non c'ero ma ci sta. Un giocatore vive di quelle cose lì". "Colley si è allenato bene. Sono tutti recuperati tranne Winks. Se giocherò col trequartista? Se ti dico sì, no o non so. Tanto vale che dico con chi giochiamo domani e faccio prima. Entrambi possono in quella posizione ma anche un attaccante, come feci con Caprari o Defrel. Sabiri è tornato carico, la chiamata in nazionale credo che sia il massimo. Vincere è diventata una necessità. E' una necessità. Bisogna profondere qualsiasi risorsa fisica mentale e caratteriale. Devi fare più di qualcosa per vincere. E' una necessità così come l'hanno manifestata i tifosi stamattina con questo striscione. E' una necessità per il nostro movimento".